Ultimo aggiornamento  09 dicembre 2021 09:40

Ford, la Mach-E è donna.

Linda Capecci ·

Ford ha lanciato una nuova campagna dedicata alla Mustang Mach-E, elettrica che sfida le nozioni preconcette della "muscle car" americana. La Casa automobilistica, per l'occasione, ha lanciato sui social un appello alle donne: l'iniziativa è nata da una collaborazione con Misty Copeland, che ha scritto la storia come prima donna della comunità nera ad essere prima ballerina dell'American Ballet Theatre.

Condividere le storie

L'invito della campagna è quello di utilizzare un semplice hashtag: #ShowSomeMuscle, e incoraggiare la community al femminile a condividere storie personali di perseveranza e resilienza. Un modo per conoscere le difficoltà che le donne hanno saputo affrontare durante la pandemia, quando il gender gap si è fatto ancora più sentire.

"Dalle lavoratrici del settore sanitario, alle insegnanti, alle infermiere, alle artiste, le donne stanno dimostrando sempre più forza: incoraggiarle a condividere le loro storie è importante", ha dichiarato Copeland.

Le protagoniste

Tra i volti della campagna anche l'artista visiva di Detroit Sydney G. James, la giocatrice di basket WNBA Gabby Williams e la blogger di giustizia sociale Ayana Lage. A ciascuna delle testimonial è stata prestata una Mach-E.  

Le donne sono state essenziali anche nella progettazione e nello sviluppo della vettura protagonista della pubblicità. Un team di ingegneria tutto al femminile, che si è auto-soprannominato "Unicorn", ha ideato e programmato sistemi di connettività di portiere, finestrini, dispositivi elettronici e luminosi della vettura.

Per abbracciare la sfida social di Ford, e condividere storie di empowerment femminile basta usare l'hashtag #ShowSomeMuscle.

Ti potrebbe interessare

· di Anastasia Borra

Tutti gli impegni a favore della sostenibilità della vicepresidente degli Stati Uniti. L’intesa con il ceo di Gm Mary Barra e la risposta dell'industria di Detroit

· di Alessandro Marchetti Tricamo

La nuova elettrica Ford ha diviso gli appassionati dell'icona americana. Un breve giro sulla pony a batteria per capire chi ha ragione