Ultimo aggiornamento  29 settembre 2021 01:06

Tesla: Zachary Kirkhorn, il mago della Borsa.

Paolo Borgognone ·

In soli due anni Tesla è passata da vivere “l’inferno produttivo” della Model 3 e un rischio più che concreto di una clamorosa bancarotta - o comunque di un cospicuo ridimensionamento - a vendere poco meno di 500mila auto in dodici mesi e a essere quotata all’indice S&P500, con un valore moltiplicato innumerevoli volte e che oggi vola verso gli 840 miliardi di dollari.

Merito delle auto così come del genio e del carisma del fondatore e boss indiscusso Elon Musk: ma c’è di più. L’incredibile ascesa – soprattutto finanziaria – del costruttore californiano si deve anche a un personaggio molto poco noto, anche perché schivo e poco presente sui social network, veicolo di fama come nessun altro in questi anni: il suo nome è Zachary Kirkhorn da un paio di anni Chief Financial Officer di Tesla.

L’uomo del mistero

In quell’inizio 2019 particolarmente complicato per l’azienda, tra una lettera ai dipendenti e un taglio delle spese, Elon Musk fece un annuncio che in molti interpretarono come un altro segnale di un imminente crollo: lo storico responsabile finanziario di Tesla, Deepak Ahuja – in passato anche alla Ford – si sarebbe ritirato dall’incarico (per la seconda volta), nonostante avesse solo 56 anni. A sostituirlo, “per un periodo di transizione” scrisse Musk, sarebbe stato un giovane dipendente del suo team, di cui fino a quel momento si ignorava l’esistenza, Zachary Kirkhorn appunto. Qualcuno di così misterioso che l’ufficio pubbliche relazioni di Tesla non aveva a disposizione, all’epoca, neanche una sua foto o una breve biografia.

Nato nel gennaio del 1984, Kirchorn – oggi uno dei 4 dirigenti esecutivi di Tesla – ha frequentato l'Università della Pennsylvania di Filadelfia. L'istituzione accademica - fondata da Benjamin Franklin - è la stessa che a suo tempo aveva aveva visto fra gli studenti Elon Musk. Iscritto al Jerome Fisher Program in Management & Technology, il futuro Cfo della casa auto si è laureato nel 2006 in economia alla Wharton School e in ingegneria meccanica e meccanica applicata alla Penn Engineering.

Dopo la laurea, Kirchorn ha iniziato a lavorare come analista aziendale presso McKinsey & Company. Entrato a far parte di Tesla nel marzo 2010 come senior analyst, lasciò la compagnia 18 mesi dopo per conseguire un Master in amministrazione finanziaria ad Harvard, nonostante lo stesso Musk gli consigliasse di non farlo ritenendo il titolo “inutile”. Dopo la laurea, Kirkhorn ha ripreso il suo posto e ha lavorato sotto Jason Wheeler, che ha servito come Cfo per il costruttore dal 2015 al 2017, e con Deepak Ahuja.

Lo scorso mese di dicembre -  quando Tesla ha pubblicato il suo primo rapporto sulla diversità e l'inclusione - Kirkhorn è stato presentato in una sezione chiamata "Pride in Our Employees" dove, fra le note di merito, si dice anche che è stato promosso ben cinque volte.

Risultati impressionanti

Di natura schiva, Kirkhorn anche se partecipa a tutte le conference call di Tesla, non ama apparire. Diversi analisti di vendita hanno detto di non aver mai parlato con lui neanche al telefono. Ma per lui parlano i numeri, che lo vedono eccellere in tutti i parametri che solitamente caratterizzano il lavoro di un Cfo. Durante il suo mandato, per esempio, le azioni Tesla sono aumentate di valore per oltre il 1.300%. Il 30 gennaio 2019 - quando Musk ha annunciato la sua promozione - la capitalizzazione sul mercato del costruttore era di 53 miliardi di dollari: oggi supera, come abbiamo detto, gli 835 miliardi, mentre le azioni valgono oltre 880 dollari l'una.

L'alta capitalizzazione di mercato di Tesla ha poco a che fare con l'ingegneria finanziaria e si deve soprattutto al successo della casa automobilistica. Ma Kirkhorn ha fatto fruttare il momento positivo realizzando un bilancio straordinario, con 12 miliardi di dollari raccolti solo nel 2020. La società, in questi anni, non solo ha ampliato i profitti, ha anche quasi sistematicamente superato le aspettative degli analisti.

Dicono di lui

Diversi ex colleghi e investitori di lunga data che conoscono meglio Kirkhorn parlano di una figura profondamente impegnata nella missione di Tesla per un mondo più pulito e lo descrivono come un autentico appassionato dei prodotti che il costruttore propone.

"Il business automobilistico è ad alta circolazione di capitale e sotto Zach, Tesla è diventata molto più efficiente in questo campo", ha dichiarato Dick Amacher, ex ingegnere e product planner di General Motors  che possiede due modelli e azioni di Tesla. "Un leader finanziario dovrebbe fornire orientamenti per la strategia futura e i risultati parlano da soli. "

"Le persone ancora non sanno davvero chi sia Zach, ma sanno cosa ha fatto", ha dichiarato Gene Munster, managing partner di Loup Ventures, una società di investimenti di Minneapolis che ha interessi anche nel settore auto. "E' una persona timida, e non credo che gli piaccia parlare pubblicamente. Ma la sua presenza ha rappresentato una svolta notevole per tutta Tesla. Quando è arrivato ha dovuto gestire una società in crisi e fare i conti con Elon Musk, davvero un lavoro complicato”.

Ovviamente, non tutti sono fan del manager misterioso. Il gestore di hedge fund David Einhorn, spesso critico nei confronti di Tesla, ha pubblicamente messo in dubbio le pratiche contabili della società.

Il presidente di Greenlight Capital ha sfidato il Cfo e Musk in un tweet di aprile a spiegare quelle che definisce “discrepanze nei crediti a breve termine di Tesla” e di recente ha bollato il rally azionario al rialzo del costruttore di elettriche niente più che una "moda".

Tag

Elon Musk  · Tesla  · Zachary Kirkhorn  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

L'azienda non centra l'obiettivo del mezzo milione di consegne. Nel 2020 vendute 499.550 vetture. Ma la crescita è del 35,9% grazie a Model 3 e Model Y

· di Redazione

Elon Musk ha vinto: dal 21 dicembre il marchio delle elettriche farà parte dell’indice azionario più esclusivo. Previsti scambi di azioni per 51 miliardi di dollari. Il titolo vola...