Ultimo aggiornamento  18 settembre 2021 06:09

Imparato, chi è il nuovo ceo di Alfa Romeo.

Angelo Berchicci ·

Dopo la nascita del gruppo Stellantis, il principale cambiamento nell’organigramma dei marchi riguarda Jean-Philippe Imparato, che da ceo di Peugeot viene messo a capo di Alfa Romeo. In Psa dal 1989, Imparato - stretto collaboratore di Tavares - ha già diretto Citroën Italia dal 2008 al 2010 e ha contribuito alla crescita di Peugeot dal 2016. Cioè, e non è un dettaglio, il marchio più caro a Parigi e il più forte di Psa.

Un segnale forte 

Nella sua prima conferenza stampa da amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares ha dichiarato di voler lavorare su tutti i 14 brand del gruppo, osservando che “in passato su alcuni di essi non è stato investito abbastanza” oltre a sottolineare "l'alto valore per Stellantis dei marchi Alfa Romeo e Maserati". Parole che, lette assieme alla nomina di Imparato, potrebbero preludere davvero a un cambio di rotta per la Casa di Arese. Anche perché, in attesa del nuovo piano industriale, la nomina del manager francese al posto dell'americano Timothy Kuniskis rappresenta un altro segnale: Alfa Romeo è stato uno dei pochi marchi a cambiare ceo dopo la fusione, e l’unico a non ricevere un manager proveniente dalla precedente area di riferimento.

La carriera in Psa 

Imparato, 54 anni, parla la nostra lingua avendo anche lontane origini italiane. Ha svolto tutta la sua carriera nel gruppo Psa dal 1989, fra Europa, America Latina e Cina.

Ceo di Peugeot dal 2016, è stato uno degli uomini su cui Tavares ha puntato per realizzare la sua strategia “Push to pass”, con lo scopo di riposizionare i marchi Psa e incrementarne la redditività. In Peugeot, Imparato esegue bene la sua missione, accrescendo qualità, pricing power e margini di profitto, tagliando i costi e riposizionando il marchio da generalista a “upper mainstream”.

Suv ed elettrificazione

Una ricetta che - rivista e corretta - potrebbe tornare utile anche per Alfa Romeo, ancor più dopo che la dirigenza di Stellantis ne ha confermato il ruolo di brand premium da sviluppare dando sempre più importanza a suv ed elettrificazione, campi su cui Imparato ha dato il meglio da numero uno di Peugeot.

Il manager francese ha infatti gestito il lancio della 3008 di seconda generazione, auto dell’anno nel 2017 e a lungo suv di segmento C più venduto in Europa, nonché il processo di elettrificazione della gamma, grazie all’ibrido plug-in e alle versioni a batteria di 208 e 2008. Per altro proprio il pianale Cmp di queste ultime, che Imparato conosce bene, potrebbe essere la base del prossimo B-suv di Alfa Romeo, dotato di variante elettrica e costruito a Tychy, in Polonia.

Un appassionato di automobili

Infine, Imparato – come Tavares – è un appassionato di automobili e in passato non ha mancato di frequentare piste e autodromi (la sua prima auto è stata una Peugeot 205 GTI 1.9). Ha lavorato affinché la Casa francese si dotasse della nuova gamma sportiva elettrificata chiamata Pse e su Twitter condivide puntualmente i risultati che le vetture del marchio ottengono nei rally, oltre a rivendicare con un certo orgoglio il ritorno di Peugeot nel campionato del mondo Endurance nel 2022. Sono dettagli che i fan di Alfa Romeo potrebbero apprezzare. 

Tag

Alfa Romeo  · Jean-Philippe Imparato  · Peugeot  · Stellantis  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

In occasione dei festeggiamenti per i 111 anni della Casa di Arese abbiamo incontrato il ceo. "Pronti al rilancio, ma non c'è domani senza elettrificazione"

· di Paolo Odinzov

Secondo Automotive News, che ha sentito una fonte vicino all'azienda, il ceo Jean-Philippe Imparato avrebbe chiesto di migliorarne le prestazioni, posticipandone il lancio

· di Massimo Tiberi

Presentata al Salone di Torino nel 1994, l'auto nasce come una compatta media ma con un'aria da wagon che sorprende. La produzione arriva fino al nuovo millennio

· di Edoardo Nastri

L’anno scorso le vendite di Fiat Chrysler e Psa hanno raggiunto quota 6,2 milioni (-22%), sesto posto a livello globale e non più quarto come nel 2019 al momento dell'intesa

· di Edoardo Nastri

Sotto la guida di Tavares, a Fca vanno la direzione finanziaria del gruppo e le Americhe. Ai francesi di Psa Europa e Cina, marchi come Alfa Romeo e la produzione industriale

· di Edoardo Nastri

Il ceo della società nata dalla fusione tra Psa e Fca promette: "Saremo leader della mobilità sicura, pulita e accessibile". E "non taglieremo posti di lavoro"