Ultimo aggiornamento  28 febbraio 2021 02:44

Furgoni elettrici, chi c'è sul mercato in Italia.

Edoardo Nastri ·

Silenziosi e ideali per le consegne a zero emissioni nei centri cittadini. I furgoni elettrici dovrebbero essere sempre più veicoli alternativi alla logistica tradizionale e l’offerta di questi modelli sta crescendo negli ultimi tempi. Ecco i modelli disponibili sul mercato italiano.

Tre gemelli per Citroën, Peugeot e Opel

Il gruppo francese Psa è quello che al momento ha la miglior offerta nel segmento di van e furgoni a batteria. Andando in ordine alfabetico il primo che si incontra è il Citroën ë-Jumpy disponibile con motore da 100 chilowatt e pacco batterie da 50 o 75 chilowattora, per 230 o 330 chilometri di autonomia, in tre misure: XS (4,6 metri di lunghezza e carico utile 927 chilogrammi), M (4,9 metri di lunghezza) e XL (5,3 metri di lunghezza). Prezzo di partenza 32.155 euro Iva esclusa.

I suoi gemelli si chiamano Peugeot e-Partner e Opel e-Vivaro e sono disponibili nelle stesse varianti di lunghezza e con i medesimi pacchi batterie ai prezzi di partenza rispettivamente di 32.805 e 32.600 euro iva esclusa. Si tratta a questo punto di scegliere a seconda del miglior sconto offerto dalle concessionarie o ragionando per eventuale simpatia di marchio.

L’offerta Renault

Sono due i furgoni a zero emissioni offerti da Renault: Kangoo Z.E. e Master Z.E.. Disponibile in due lunghezze, normale (4,2 metri di lunghezza) e maxi (4,6 metri di lunghezza), il Kangoo Z.E. è spinto da un motore elettrico alimentato da un pacco batterie da 33 chilowattora per un’autonomia dichiarata di 230 chilometri e può portare un carico utile fino a 650 chilogrammi. Prezzi da 30.300 euro Iva esclusa.

Il Master Z.E. è un furgone di taglia grande disponibile in tre lunghezze: 5 metri, 5,5 metri o 6,2 metri. A spingerlo c’è un motore elettrico da 57 chilowatt, derivato da quello della citycar Zoe, capace di 225 newtonmetri di coppia per una velocità massima di 100 chilometri orari. Il propulsore è alimentato da un pacco batterie da 33 chilowattora per un’autonomia - scarsa a causa del peso come accade anche ai concorrenti - di circa 120 chilometri. Prezzi da 55.400 euro Iva esclusa. 

Fiat e-Ducato

Rimanendo nel settore taglie forti, l’eDucato è il commerciale elettrico del gruppo Fiat Chrysler. Il furgone italiano da cinque metri di lunghezza e capace di una portata fino a 1.950 chilogrammi è spinto da un motore elettrico da 122 cavalli alimentato da due pacchi batteria da 47 o 79 chilowattora per un’autonomia rispettivamente di 200 o 360 chilometri. Prezzi in fase di definizione.

Mercedes-Benz eVito 

Disponibile in due versioni, Long (5,1 metri di lunghezza) ed Extralong (5,4 metri), il furgone elettrico di Mercedes-Benz è spinto da un motore da 85 chilowatt (116 cavalli) in grado di sviluppare una coppia massima di 295 newtonmetri. Il veicolo è alimentato da un pacco di batterie al litio da 35 chilowattora. Autonomia dichiarata 180 chilometri. Prezzi da 42.549 euro Iva esclusa. 

Nissan EV-200

Lungo 4,56 metri, largo 1,75 per 2,72 di passo e 701 chilogrammi di carico massimo, il furgone Nissan EV-200 è disponibile con un pacco batteria da 40 chilowattora che alimenta il motore elettrico ereditato dalla precedente generazione della Nissan Leaf da 110 cavalli di potenza. L'autonomia di percorrenza dichiarata è di 200 chilometri con un solo pieno di energia. Disponibile in diversi allestimenti, compresa una versione per trasporto passeggeri particolarmente in voga tra i taxisti newyorkesi, la Nissan EV-200 ha prezzi di partenza da 31.955 euro.

Volkswagen eCrafter 

Il furgone elettrico di Volkswagen di chiama eCrafter: 5,9 metri di lunghezza per circa 900 chilogrammi di carico utile. Il veicolo commerciale tedesco monta un motore da 100 chilowatt di potenza alimentato da un pacco batterie da 35,8 chilowattora per un’autonomia dichiarata di 160 chilometri. Prezzi da 85.623 euro. 

Ti potrebbe interessare

· di Sergio Benvenuti

Il colosso di e-commerce di Jeff Bezos ordina 1.200 eSprinter e 600 eVito per le consegne in tutta Europa. Obiettivo: l'intera flotta a batteria entro il 2040