Ultimo aggiornamento  28 febbraio 2021 02:52

Renault 5, nuova vita a zero emissioni.

Angelo Berchicci ·

La storica Renault 5 ritornerà in versione elettrica, parola di Luca de Meo, nuovo amministratore delegato del gruppo francese. Per ora è solo un concept, presentato assieme al piano di rilancio del gruppo,  destinato a diventare presto realtà a un prezzo accessibile a tutti.

La "Nouvelle Vague"

La rinata Renault 5 incarnerà il nuovo corso della Casa, dall’evocativo nome di “Nouvelle Vague” (nuova onda), come il movimento artistico e culturale di fine anni ’50. Il manager italiano mira a fare di Renault una realtà moderna, innovativa, accattivante, snella ed essenziale, tutti aggettivi che si possono ritrovare nel concept della nuova R5.

Opera di Gilles Vidal, capo-designer della Casa francese, la Renault 5 riprende le linee inconfondibili dell’antenata prodotta a partire dal 1972, declinandole in chiave moderna, ma anche sportiva, come mostrano i passaruota piuttosto pronunciati (quelli posteriori nascondono anche delle prese d’aria che richiamano alla R5 turbo).

Linea inconfondibile

All’anteriore si nota il frontale “carenato” tipico delle vetture elettriche, con proiettori a led e luci diurne di forma quadrata ai lati del paraurti, dove tradizionalmente ci sarebbero i fendinebbia. Sul cofano quella che sembrerebbe una presa d’aria nasconde invece lo sportellino per la ricarica, mentre al posteriore l’effetto revival è assicurato dai fari inseriti nei montanti, analogamente alla versione originale, uniti però da una striscia a led orizzontale, come vogliono le ultime tendenze.

Spicca poi il contrasto tra il tipico giallo Renault e il tetto nero, così come i loghi "5" retroilluminati sparsi lungo la carrozzeria. Da notare che la vettura presenta una carrozzeria a cinque porte, con le maniglie di quelle posteriori nascoste nelle cornici dei finestrini. Per quanto riguarda gli interni, la concept mostra una strumentazione interamente digitale, proiettata in maniera simile a un ologramma su un cockpit trasparente.

Democratizzare l'elettrico

Rimangono un mistero, per ora, i dati relativi a prestazioni, batteria e piattaforma (secondo le indiscrezioni, si potrebbe trattare di un'inedita versione dedicata alle vetture elettriche della CMF-B, chiamata CMF-B EV), così come la data di lancio e il prezzo. Sappiamo però che la Renault 5 mira a rendere popolari le auto elettriche e a permettere la mobilità a zero emissioni alle famiglie, per cui dovremmo aspettarci un prezzo d’attacco piuttosto basso.

“So per esperienza che quando una Casa riesce a riportare in vita con successo un prodotto di culto, divampa una fiamma che illumina l’intero brand” ha commentato de Meo, che durante la sua esperienza in Fiat ha lavorato alla rinascita della 500 nel 2007.

Pur in assenza di indicazioni precise sulle dimensioni, la Renault 5 potrebbe anche sostituire la Zoe nel segmento B, dove la Casa ha appena annunciato di voler dare vita a una famiglia di vetture elettriche, in maniera analoga alla concept Mégane eVision, che segnerà l’inizio di un'altra classe di vetture per il segmento C. 

La vettura, inoltre, potrebbe essere la base per la hot-hatch elettrica di segmento B che il brand Alpine ha appena dichiarato di avere in programma. Se così fosse si assisterebbe a un ritorno della Renault 5 Alpine, la prima versione sportiva dell'utilitaria, presentata nel 1976.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La nuova R5 elettrica non è l'unica concept rétro della Casa. Al Salone di Ginevra del 1996 venne presentata una piccola coupé/targa che omaggiava i 50 anni della 4CV

· di Francesco Paternò

Il nuovo prototipo svelato a "Renaulution" ha un’antenata, sviluppata in collaborazione con Edf. Pesante e con poca autonomia, non entrerà in produzione. Una fu fatta negli Usa

· di Angelo Berchicci

Il piano di rinascita del nuovo ceo Luca de Meo: focus su margini, 24 novità di prodotto di cui 10 elettrici entro il 2025 per tutti i marchi del gruppo francese

· di Angelo Berchicci

Si tratta di un esercizio di immaginazione frutto del designer italiano Marco Maltese. Linee sportive ed elementi moderni si fondono con lo stile della mitica utilitaria francese