Ultimo aggiornamento  10 aprile 2021 17:29

Hyundai, quello che sappiamo sulla Ioniq 5.

Angelo Berchicci ·

Si avvicina il lancio della Hyundai Ioniq 5, la vettura elettrica di nuova generazione realizzata dalla Casa coreana. L’auto sarà svelata nel corso del 2021 e le consegne della versione speciale “First Edition”, prodotta in 150 esemplari, inizieranno tra giugno e luglio. Nel frattempo, grazie alle prime informazioni diffuse dalla Casa e alle indiscrezioni che circolano in rete, possiamo ricostruire quello che sappiamo finora della vettura.

Il nuovo corso elettrico 

La Ioniq 5 sarà un modello fondamentale per Hyundai perché porterà al debutto il nuovo corso del costruttore in fatto di auto elettriche. Anzitutto, sarà la prima auto a sfruttare la nuova piattaforma modulare E-GMP, dedicata espressamente alle vetture a batteria. Assieme alla nuova architettura debutteranno le più moderne tecnologie sviluppate dal gruppo coreano in tema di motori elettrici, batterie e caricatori di bordo.

Quest’ultimo, in particolare, sarà in grado di gestire fino a 800 volt, un valore mai toccato su una vettura di un costruttore generalista (numeri simili sono stati raggiunti da Porsche sulla Taycan). Il sistema potrà supportare la ricarica in corrente alternata AC a 11 chilowattora e la ricarica ultrarapida in corrente continua DC fino a 232 chilowattora. Come risultato, alla massima velocità la Ioniq 5 sarà in grado di passare dal 10% all’80% di ricarica in soli 18 minuti.

Un suv medio 

L’auto sarà un crossover di medie dimensioni (con una lunghezza di 4,64 metri dovrà confrontarsi con rivali come Skoda Enyaq iV, Volkswagen ID.4 e Nissan Ariya), e dovrebbe ispirarsi nella linea alla concept ‘45’ presentata da Hyundai al Salone di Francoforte del 2019. La vettura, inoltre, sarà la prima della nuova gamma Ioniq, nome che - dall'indicare la berlina introdotta nel 2016 - diventerà il brand di un'intera famiglia di modelli elettrici.

Nell’edizione di lancio, che potrà essere preordinata online versando una caparra di mille euro, la Ioniq 5 sarà dotata di trazione integrale senza collegamenti meccanici, grazie alla configurazione a due motori, uno per ciascun asse. La potenza totale dovrebbe essere di 313 cavalli per uno 0-100 in circa 5 secondi, mentre la batteria da 58 chilowattora garantirà un’autonomia di 450 chilometri (nel ciclo WLTP).

Soluzioni inedite 

Successivamente dovrebbe arrivare anche con un taglio di batteria da 73 chilowattora, per un’autonomia di 550 chilometri, e con diverse configurazioni di potenza. L’auto, inoltre, dovrebbe adottare sistemi inediti, come un particolare tetto realizzato con celle solari, che contribuirà a ricaricare la batteria.

Oltre a un’incrementata efficienza, la piattaforma E-GMP promette anche una migliore dinamica di guida, grazie a una maggiore rigidità e leggerezza, e a soluzioni come lo schema sospensivo posteriore di tipo multi-link a 5 bracci, che assicura un comportamento su strada ottimale.

Tag

Elettrico  · Hyundai  · Hyundai E-GMP  · Hyundai Ioniq  · IONIQ 5  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

E' la prima sulla nuova piattaforma del E-Gmp del gruppo. Tre potenze (225, 173 o 125 kW), due pacchi batterie (72,6 o 58 kWh) e fino a 480 km di autonomia

· di Edoardo Nastri

L'elettrificazione agevola l'offerta della trazione integrale. Via i collegamenti meccanici, si installa un motore per ciascun asse. Ecco i debutti del primo semestre 2021

· di Luca Gaietta

Il gruppo coreano lancia HTWO, dedicato ai sistemi fuel cell per ogni tipo di mezzo. E acquista la società di robot Boston Dynamics per sviluppare la guida autonoma

 

· di Angelo Berchicci

Il gruppo coreano presenta il nuovo pianale E-GMP dedicato esclusivamente ai veicoli a batteria. Un'architettura modulare per i segmenti C e D. Il primo modello nel 2021