Ultimo aggiornamento  16 aprile 2021 01:11

Euro NCAP, le stelle di dicembre.

Redazione ·

Terza sessione di test con il nuovo protocollo per Euro NCAP, il consorzio europeo di valutazione della sicurezza delle auto a cui, per il nostro Paese, partecipa l’Automobile Club d'Italia.

In questa sessione finale del 2020 sono state prese in esame 7 vetture. Cinque di queste  - Audi A3, Isuzu D-MAX, Kia Sorento, Land Rover Defender e Seat Leon – hanno ottenuto il punteggio massimo di 5 stelle. 4 le stelle invece per la piccola elettrica Honda e mentre la Hyundai i10 ne ha guadagnate 3.

Le migliori

L'Audi A3 con motorizzazioni tradizionali, benzina e gasolio, ha ottenuto buone performance in tutte le prove: ricca la dotazione di serie dei sistemi di assistenza alla guida, compreso il monitoraggio del conducente. Le poche criticità riscontrate sono la marginale protezione del collo e del bacino del bambino, del torace e della tibia del conducente in caso di urto frontale.

Il combinato Isuzu D-MAX è stato valutato dall'Australasian NCAP (ANCAP) all'inizio di quest'anno e alcuni test sono stati ripetuti da Euro NCAP per garantire che la valutazione 5 stelle fosse valida anche per il mercato europeo. Massimo punteggio nella protezione dei bambini in caso di urto laterale e buone dotazioni e prestazioni dei sistemi di assistenza alla guida.

L’ibrida a benzina Kia Sorento ha ottenuto il miglior punteggio di questa serie di test nella categoria sicurezza attiva. Ottima la protezione dei bambini nello scontro laterale contro barriera. Completa e molto performante la dotazione di serie dei sistemi di assistenza alla guida. Alcune criticità nelle prove di scontro frontale per la debole protezione di torace e femore del conducente, marginale quella del collo del bambino sul sedile posteriore.

Anche Land Rover Defender, sia in versione a benzina che gasolio, ha raggiunto l'eccellenza, grazie soprattutto al risultato al top  nella prova di impatto laterale contro il palo e in quelle della protezione dei bambini. Completa la dotazione di serie degli ADAS.

Seat Leon, nelle diverse alimentazioni benzina, gasolio e ibrida, modello e-hybrid ha conquistato i punteggi più elevati per la sicurezza passiva di adulti e bambini e la protezione degli utenti vulnerabili. Unica criticità la marginale protezione del torace del conducente nello scontro frontale contro barriera.

Gli altri modelli

Quattro le stelle per la “piccola” elettrica Honda e. Nonostante i punteggi elevati nei test di urto laterali contro barriera e palo, la valutazione complessiva è stata penalizzata dalla debole protezione del femore del conducente nell’urto frontale con barriera deformabile. Eccessiva, poi, l’escursione del conducente verso il lato del passeggero, in caso di scontro laterale, con elevata probabilità di urto. Buona la dotazione di serie dei sistemi di assistenza alla guida.

Hyundai i10, con alimentazione a benzina, si è fermata a 3 stelle, penalizzata dal basso peso del veicolo e dalla scarsa protezione del bacino del conducente nelle prove di urto frontale, a causa della non buona ritenuta delle cinture di sicurezza. Deboli la protezione della testa e del torace del conducente in caso di urto frontale e del torace del bambino sul sedile posteriore in caso di urto laterale. Buona la dotazione dei sistemi di assistenza alla guida con un sistema e-call di seconda generazione.

Sì all’assistenza alla guida

“Questa serie di test - ha commentato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia - mette in evidenza che la disomogeneità del parco veicolare in termini di masse e dimensioni, penalizza i veicoli piccoli e di minor peso. Tuttavia i sistemi di assistenza alla guida possono aiutare a compensare questi handicap. Si tratta di un’ulteriore sfida per i costruttori di auto”.

Le conferme

Anche in questa sessione di test sono state valutate tre nuove versioni di modelli già provati da Euro NCAP nelle stagioni scorse. La Peugeot e-208, variante completamente elettrica della Peugeot 208, e la Renault Captur E-Tech, versione ibrida della Captur, entrambe testate nel 2019, confermano le 5 stelle ottenute con il protocollo Euro NCAP 2019.

La Peugeot 3008 Hybrid, variante ibrida della Peugeot 3008 testata nel 2016, conferma invece le 5 stelle ottenute, sempre però, con protocollo Euro NCAP 2016.

Tag

ACI  · Angelo Sticchi Damiani  · Euro NCAP  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Primo test del 2021 e massimo risultato per l’elettrica del sub brand di Volvo e il suv del nuovo marchio sportivo di Seat. Aggiornati i risultati anche di Renault Arkana e Lexus...