Ultimo aggiornamento  29 settembre 2021 00:16

Musk: “Una fusione per Tesla? Perché no”.

Redazione ·

Tra le tante idee che passano per la testa di Elon Musk potrebbe – un giorno – esserci anche quella di fondere Tesla con un altro costruttore. Un’ipotesi che il ceo dell'azienda di auto elettriche non ha escluso durante una intervista al termine di una conferenza organizzata dal gruppo editoriale tedesco Axel Springer a Berlino.

Sollecitato da una domanda, il manager ha ipotizzato che la sua azienda – con un valore azionario di più di 500 miliardi di dollari, nettamente il più grande del settore delle quattro ruote - possa un giorno acquisirne un’altra, magari in difficoltà. “Ma – ha detto - non tenteremo mai una scalata ostile. Se qualcuno ci proponesse una fusione per il bene di entrambe le aziende potremmo parlarne”.

Sempre sola

Nel corso della sua breve storia, Tesla non ha mai fatto parte di un gruppo. In passato anche grandi nomi dell’automotive, come Daimler e Toyota hanno investito nell’azienda californiana in cambio di una fornitura di motori elettrici, ma entrambi i gruppi hanno venduto le proprie azioni rispettivamente nel 2014 e nel 2017.

Tesla si è impegnata in molte trattative negli ultimi anni, ma la maggior parte per l’acquisizione di tecnologia per la produzione delle sue elettriche.

Tag

Axel Springer  · Berlino  · Elon Musk  · Tesla  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

L'azienda non centra l'obiettivo del mezzo milione di consegne. Nel 2020 vendute 499.550 vetture. Ma la crescita è del 35,9% grazie a Model 3 e Model Y

· di Paolo Borgognone

Nel 2013 Ferdinand Piëch rimase così colpito da un test drive della Model S da pensare all‘acquisto della Casa californiana. Ma Musk si oppose

· di Angelo Berchicci

Volumi ridotti sul mercato ma elevati in Borsa, con patrimoni stellari per i fondatori delle startup a batteria. Elon Musk in testa ma non è il solo perché in Cina ...

· di Paolo Borgognone

Il Consumer Reports americano non raccomanda più l’acquisto della Model S e avanza dubbi anche sulla Y. Il marchio californiano fra i peggiori analizzati: al top Mazda e i...

· di Redazione

Elon Musk ha vinto: dal 21 dicembre il marchio delle elettriche farà parte dell’indice azionario più esclusivo. Previsti scambi di azioni per 51 miliardi di dollari. Il titolo vola...