Ultimo aggiornamento  15 ottobre 2021 22:02

Volkswagen, in arrivo una ID.2 accessibile.

Redazione ·

Volkswagen continua la sua corsa all'elettrificazione e nonostante qualche ritardo nei lanci, prima di ID.3 e ID.4, presto potrebbe allargare la famiglia ID verso il basso.

Il costruttore di Wolfsburg, secondo quanto racconta la Reuters, ha dato vita al progetto “Small Bev” e pensa di mettere sul mercato una piccola elettrica delle dimensioni della Polo. L’utilitaria dovrebbe avere un costo compreso tra i 20mila e i 25mila euro, che la renderebbe così più economica della ID.3, arrivata a settembre scorso nei concessionari. L'auto potrebbe prendere così la denominazione di ID.2 lasciando la ID.1 a una vettura ancora più compatta.

Volkswagen non ha però fornito ulteriori dettagli sull’aspetto che potrà avere la vettura o su dove verrà costruita e quando potrebbe essere presentata.

60% a batteria

I tedeschi hanno invece confermato che i rigidi limiti in materia di emissioni imposti dall’Unione europea la spingeranno verosimilmente ad aumentare la percentuale di veicoli a batteria da mettere sul mercato del Vecchio continente: la quota – secondo la Casa tedesca – potrebbe passare nel 2030 dal 40% oggi prevista, al 60%.

Il costruttore di Wolfsburg – che conta di costruire entro il 2025 1,5 milioni di elettriche - ha confermato di avere aumentato gli investimenti previsti per i nuovi veicoli a zero emissioni e connessi a 73 miliardi di euro complessivamente, 35 dei quali solo per le elettriche.

Tag

Europa  · Polo  · Small Bev  · Volkswagen  · Volkswagen ID.3  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

I suv dei brand del gruppo tedesco utilizzerebbero la tecnologia off road “Terrain Response” brevettata dagli inglesi. La battaglia legale è appena iniziata

· di Angelo Berchicci

Il gruppo tedesco ha incrementato gli investimenti in ricerca e sviluppo. Priorità a elettrificazione e sviluppo di software. 70 modelli a batteria entro il 2030

· di Redazione

Per il ceo del gruppo tedesco, l'elezione del candidato dem sarebbe più vicina alla strategia di sviluppo della mobilità elettrica della Casa di Wolfsburg