Ultimo aggiornamento  21 ottobre 2021 01:51

Renault, la Re-Factory è circolare.

Redazione ·

Il gruppo Renault trasformerà lo stabilimento francese di Flins in una Re-Factory, la prima fabbrica europea a economia circolare, che darà lavoro a più di 3mila persone entro il 2030.

Secondo Luca de Meo, ceo di Renault, "con Re-Factory, Flins diventerà un riferimento europeo dell’industria automotive. Questo stabilimento si prefigge l’obiettivo di un bilancio CO2 negativo per il 2030, combinando economia circolare, riduzione delle emissioni, sviluppo delle competenze e creazione di nuove attività in grado di generare valore". 

Quattro centri di attività

Re-Factory sarà sviluppata dal 2021 al 2024 e si baserà su quattro centri di attività: Re-Trofit (in cui saranno concentrate tutte le attività che consentono di prolungare la vita dei veicoli, come il ricondizionamento dei mezzi usati e la conversione dei veicoli termici in altre energie); Re-Energy (si ottimizzerà la prima vita delle batterie, lo stoccaggio stazionario dell’energia, la gestione degli accumulatori a fine vita, l'elaborazione di soluzioni tecniche e di approvvigionamento di nuove fonti energetiche come l’idrogeno); Re-Cycle (si installerà una linea di smontaggio dei veicoli a fine vita, un'estensione delle attività di rigenerazione e riutilizzo e riciclo dei materiali); Re-Start (accelererà la ricerca e l’innovazione dell'economia circolare).

La nuova missione della storica fabbrica di Flins rientra anche nel progetto di riduzione del 20% di tutta la capacità produttiva di Renault, perno di un più vasto piano di taglio dei costi.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

Il marchio pioniere delle zero emissioni mette in vendita la versione a batteria della city car. Ricarica velocemente, è super agile, ha autonomia giusta: ecco come va

· di Angelo Berchicci

In vendita nel primo semestre 2021 la Captur declinata in versione full hybrid e mild hybrid oltre che plug-in, il suv coupé Arkana con gli stessi sistemi e la Mégane ibrida...