Ultimo aggiornamento  30 novembre 2020 15:50

Fca Heritage celebra i suoi primi cinque anni.

Redazione ·

Fiat Chrysler celebra il quinto anniversario di Fca Heritage, il dipartimento dedicato alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio storico dei marchi Alfa Romeo, Fiat, Lancia e Abarth

La casa dei gioielli del gruppo - "Heritage Hub" - offre a Torino uno spazio di 15mila metri quadri che ospita oltre 300 vetture, alcune mai mostrate prima al pubblico.

"L’obiettivo per cui è nata Fca Heritage è  riassunto nel suo nome. Heritage è una parola che noi usiamo spesso come sinonimo di tradizione e storia, trascurando che essa contiene anche un’accezione ulteriore, e forse più letterale, di eredità, patrimonio da trasmettere", dice Roberto Giolito, capo della divisione Emea di Fca Heritage. "Aver dato vita a questo dipartimento significa valorizzare e non solo celebrare, far vivere e non solo custodire. Si tratta di un patrimonio inestimabile che ancora oggi ispira i modelli di domani, certo più sostenibili e connessi ma che conservano sempre lo stile Made in Italy famoso nel mondo".

Dai musei ai festival internazionali

In questi cinque anni, Fca Heritage ha stretto importanti collaborazioni con prestigiosi musei di design e d’arte nel mondo: dal Victoria & Albert Museum di Londra, Musée National de la Voiture a Compiègne, Triennale Design Museum di Milano, Museo della Tecnica di Sinsheim, Museo Nazionale dell’Automobile di Torino al "Museo delle emozioni" di Alfa Romeo, allestito nel 2016 a Madrid presso il Complejo Duques de Pastrana, oltre alla storica Fiat 500 serie F del 1968 donata al MoMA di New York per festeggiare il 60esimo anniversario dell’iconica vettura, entrata a far parte della collezione permanente del museo statunitense nel luglio 2017.

Nel 2018, poi, è stato inaugurato il programma “Reloaded by Creators”, che prevede l’acquisizione, il restauro, la certificazione e la re-immissione sul mercato di una selezione di vetture storiche. Un’attività portata avanti anche dai principali musei d’arte, che finanziano così l’acquisizione e la valorizzazione di altri gioielli a quattro ruote.

Le rarità di Fca Heritage partecipano anche ai più importanti saloni ed eventi del settore a livello internazionale: dal Festival of Speed di Goodwood, alla Targa Florio. A questi appuntamenti si aggiungono i diversi concorsi di eleganza riservati alle vetture d’epoca, tra cui quello tenutosi nel 2018 presso il Castello Nijo di Kyoto (Giappone) con protagonista l’Alfa Romeo 1900 C52 Coupé, più conosciuta come "Disco Volante", e quello di Amelia Island (Florida, USA) che nel 2016 ha visto trionfare nella sua categoria la Alfa Romeo - Brabham BT45.

Alcune di queste auto d'epoca sono sottoposte ad attività di riparazione, restauro e certificazione delle storiche dei marchi Fca, sia quelle dei collezionisti privati che della collezione alla categoria, grazie al supporto tecnico offerto dalle Officine Classiche in 6mila metri quadri di spazio.

Tra i servizi di assistenza, che mette a disposizione Fca Heritage, rientra anche "Heritage Parts": la linea di ricambi per vetture classiche fedelmente riprodotti grazie alla collaborazione tra il dipartimento e il marchio Mopar: stampi originali, restaurati e ripristinati per l’occasione.

Tag

Auto storiche  · FCA  · Fca heritage  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Convocazione a inizio 2021 per sancire l’accordo e accelerare la nascita di Stellantis. Le riunioni si svolgeranno ad Amsterdam e Parigi. Manca solo il parere dell'Antitrust...