Ultimo aggiornamento  27 ottobre 2020 12:27

Detroit, nasce la “Factory Zero” di Gm.

Redazione ·

L’ impianto di General Motors di Detroit-Hamtramck – aperto nel 1985 - cambia nome: d’ora in poi sarà “Factory Zero” e produrrà veicoli a batteria, camion e suv. A cominciare – probabilmente - dall’Hummer elettrico di Gmc che dovrebbe vedere la luce alla fine del prossimo anno e soprattutto dalla Cruise Origin, una navetta elettrica autonoma realizzata da Cruise, GM e Honda.

La mossa di Gm si inserisce nel quadro di un rinnovato impegno del costruttore del Michigan verso un futuro che gli addetti ai lavori hanno soprannominato “zero-zero-zero”. Ovvero zero incidenti, zero emissioni, zero congestione. Gm prevede di spendere 20 miliardi di dollari per la tecnologia dei veicoli elettrici e autonomi fino al 2025 includendo la messa in produzione di 20 nuovi mezzi a batteria entro il 2023.

Accordo con il sindacato

Soltanto nel 2018 la situazione era molto diversa e ipotizzare una rinascita per il sito produttivo pareva impossibile. Lo stesso costruttore aveva indicato Detroit-Hamtramck come “area non allocata” dichiarandone di fatto la fine. Il sindacato Uaw, che riunisce i lavori del comparto auto, ha a quel punto iniziato un duro sciopero – protrattosi per 40 giorni – che ha indotto Gm ad aprire negoziati sul futuro dell’impianto. L’accordo ha portato a un investimento per il costruttore di 2,2 miliardi di dollari per la riconversione a fabbrica destinata all’auto elettrica. 

Lo stabilimento Detroit-Hamtramck, oltre 380mila metri quadrati, ha costruito - in 35 anni di attività - più di 4 milioni di veicoli tra cui la Cadillac Eldorado, Siviglia, DeVille, Pontiac Bonneville, Chevrolet Volt, Buick LeSabre e Oldsmobile Toronado/Trofeo. L’ultima auto a uscire dalla catena di montaggio – lo scorso febbraio – è stata una Chevrolet Impala.

"Questo evento sarà un'altra pietra miliare nel nostro viaggio verso un futuro completamente elettrico”, ha detto il portavoce di Gm  Dan Flores. "Siamo entusiasti che 'D-Ham' rimanga aperto, soprattutto visto quello che è successo in passato - ha ripetuto Mike Plater, presidente dello United Auto Workers Local 22 che rappresenta i dipendenti di Detroit-Hamtramck - e non vediamo di iniziare a lavorare sui nuovi prodotti”.

Tag

Auto Elettrica  · Detroit  · Factory Zero  · General Motors  · Hamtramck  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

I due costruttori firmano un memorandum d’intesa per una cooperazione dal 2021 mirata allo sviluppo di auto sia tradizionali che elettriche

· di Edoardo Nastri

Il costruttore promette 20 modelli a zero emissioni entro il 2023. Al debutto la nuova piattaforma con tecnologie che riducono i costi e aumentano l'autonomia