Ultimo aggiornamento  05 dicembre 2020 23:32

Le 10 auto a Gpl più vendute in Italia.

Edoardo Nastri ·

La sua forza è il prezzo: il Gpl, gas di petrolio liquefatto, costa meno della metà della benzina. Scegliendo un’auto con questa tipologia di alimentazione è possibile fare il pieno a circa 0,66 centesimi di euro per ogni litro, contro una media di 1,5 euro e 1,3 euro rispettivamente per benzina e diesel. In Italia le immatricolazioni sono più o meno stabili da diversi anni. Se nel 2012 sono state vendute 129.325 auto a Gpl, nel 2014 erano 124.705 e l’anno scorso sono state 126.648 (+9% rispetto al 2018).

Il gas di petrolio liquefatto ha registrato risultati accettabili anche nei primi nove mesi del 2020, tenuto conto del calo generale del mercato a causa della pandemia di coronavirus. Da gennaio a settembre sono state immatricolate 64.158 unità a Gpl, di cui 12mila esemplari nell’ultimo mese (+8,2% rispetto a settembre 2019).

I modelli a listino in Italia sono ben 22, alcuni di questi, che rientrano nella fascia di emissioni 91-110 grammi di CO2 per chilometro, possono contare sugli incentivi governativi all’acquisto (al momento esauriti anche se le associazioni di categoria hanno chiesto un rifinanziamento). Ecco quali sono stati i 10 più venduti nei primi nove mesi del 2020.

Dacia Duster

Il suv compatto del costruttore romeno del gruppo Renault è il veicolo a Gpl più venduto in Italia. Da gennaio a settembre è stato immatricolato in 9.992 unità. L’alimentazione a gas è proposta in abbinamento al 1.0 tre cilindri TCe da 100 cavalli con cambio manuale a cinque marce e trazione anteriore. I prezzi vanno dai 14.200 euro della versione d’ingresso Essential ai 17.600 euro dell’allestimento 15th Anniversary. La Duster a Gpl emette 110 grammi di CO2 per ogni chilometro e se i fondi dovessero tornare disponibili rientrerebbe nel piano d’incentivi all’acquisto per auto ecologiche: 3.500 euro con rottamazione, 1.750 senza.

Fiat Panda

In seconda posizione troviamo la Fiat Panda (8.716), proposta anche in versione metano, benzina, diesel o ibrida mild. La Panda Easy Power a Gpl è spinta dallo storico 1.2 Fire quattro cilindri da 69 cavalli, abbinato al cambio manuale a cinque marce. La Panda a gas viene venduta negli allestimenti Easy, da 14.750 euro, o Lounge (15.750 euro).

Lancia Ypsilon

Medaglia di bronzo per la Lancia Ypsilon (6.961). La citycar italiana nella versione a Gpl è gemella della Fiat Panda. Anch’essa infatti è spinta dal 1.2 quattro cilindri da 69 cavalli ma conta su un equipaggiamento più completo. La versione Chic costa 16.200 euro, la Gold 17.500.

Dacia Sandero

La Sandero è il secondo modello Dacia nella classifica delle Gpl più vendute e si posiziona al quarto posto con 6.657 esemplari. La berlina, proposta anche in versione crossover Stepway, monta lo stesso powertrain della Duster: 1.0 tre cilindri da 100 cavalli abbinato al cambio manuale a cinque marce. Con emissioni pari a 98 grammi di CO2 per ogni chilometro percorso, anche la Dacia Sandero può essere acquistata con l’ecobonus. Prezzi a partire da 11.450 euro.

Renault Clio

La Renault Clio è la quinta auto a Gpl più venduta in Italia nei primi nove mesi del 2020 con 5.720 unità immatricolate. L’alimentazione a gas è abbinata al 1.0 tre cilindri TCe da 100 cavalli del gruppo che sulla citycar francese ha emissioni di CO2 pari a 94 grammi per ogni chilometro percorso. Quattro le versioni disponibili, Life, Zen, Business e Intens con prezzi da 17.100 a 20.050 euro

Renault Captur

La crossover compatta Captur, appena rinnovata, è proposta anche alimentata a Gpl (oltre a benzina, diesel e ibrida plug-in) con la stessa motorizzazione e i medesimi allestimenti della Clio. Gli esemplari immatricolati nei primi 9 mesi del 2020 sono stati 5.026. La differenza di prezzo tra la versione entry level a gas rispetto alla benzina è di 600 euro. La Captur a Gpl ha prezzi di partenza da 18.550 euro.

Ford Fiesta

La Fiesta è, al momento, l’unico modello Ford a essere offerto anche con alimentazione a Gpl (3.582 unità). La citycar monta il 1.1 tre cilindri da 75 cavalli (95 grammi di CO2 per chilometro) in abbinamento al cambio meccanico a cinque marce. La Fiesta Gpl è offerta in tre allestimenti, Connect, Business e Titanium con prezzi rispettivamente di 18.800, 19.700 e 20.650 euro.

Kia Stonic, Picanto e Sportage

Ottavo, nono e decimo posto della classifica sono occupati da tre vetture Kia: un crossover, la Stonic, una citycar, la Picanto, e un suv, la Sportage. Kia è il costruttore che offre più modelli a Gpl in Italia (ben sei).

L’alimentazione a Gpl per la crossover Kia Stonic, 2.971 esemplari da gennaio a settembre 2020, è offerta in abbinamento al 1.4 quattro cilindri MPi da 100 cavalli. La vettura con emissioni pari a 141 grammi di CO2 per chilometro non ha diritto agli incentivi governativi all’acquisto. La Stonic Gpl viene venduta in tra allestimenti, Urban, Style ed Energy, con prezzi da 18.750 a 22.750 euro.

La Kia Picanto si posiziona al nono posto in classifica (2.917 auto) ed è spinta dal 1.0 aspirato da 67 cavalli di potenza (emissioni pari a 100 grammi di CO2 per chilometro) abbinato al cambio manuale a sei marce. La citycar è proposta in quattro allestimenti: City, Urban, Style e X Line con assetto rialzato da piccola crossover. Prezzi da 13mila a 15.750 euro.

Con 2.417 unità immatricolate da gennaio a settembre 2020 la Kia Sportage si aggiudica il decimo posto nella classifica delle auto a Gpl più vendute da gennaio a settembre 2020. La Sportage a Gpl è disponibile esclusivamente a due ruote motrici spinta dal 1.6 EcoGpl da 126 cavalli di potenza abbinato al cambio manuale a sei marce. Tre gli allestimenti, Urban, Business Class e Style, con prezzi a partire da 26.750 euro

Tag

Dacia Duster  · Ecoincentivi  · Fiat Panda  · GPL  · Lancia Ypsilon  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il suv, auto straniera più venduta in Italia nel 2019, adotta un nuovo motore 1.000 per la versione a gas, già best seller della gamma con il 54% delle immatricolazioni

· di Angelo Berchicci

Esenti dai blocchi del traffico, le auto a gas a doppia alimentazione in Italia hanno chiuso il 2019 in crescita. Con numeri che potrebbero aumentare ancora