Ultimo aggiornamento  31 ottobre 2020 22:55

CIRT: Andreucci vince il Rally Adriatico-Marche.

Redazione ·

Il Rally Adriatico-Marche, terza prova del Campionato Italiano Rally Terra, è stata vinta da Paolo Andreucci sulla Citroen C3 R5, in tandem con Francesco Pinelli. Seconda la Volkswagen Polo R5 di Simone Campedelli, affiancato dall’esperto navigatore Sauro Farnocchia.

Sotto una pioggia copiosa, il pluricampione tricolore Andreucci ha preceduto alla fine il rivale di 17,2 secondi, rafforzando così la sua leadership nel tricolore riservato agli specialisti dei fondi sterrati. Il gradino più basso del podio è andato invece a Giacomo Costenaro, in coppia con Justin Bardini. In quarta posizione hanno terminato Nicolò Marchioro e Marco Marchetti su Skoda Fabia, che si sono però qualificati come primi tra i partecipanti alla serie Race Day. La corsa marchigiana era infatti valida anche come prima prova della 13 edizione della serie.

Tra i ritirati di rilievo quello di Daniele Ceccoli, in coppia con Piercarlo Capolongo, Hyundai i20, usciti di strada dopo un capottamento. Vettura distrutta e qualche problema a una spalla per il navigatore. Ritiri sul finale per un problema meccanico anche per i francesi Nicolas Ciamin, in coppia con Yannick Roche.

Quattro e due ruote motrici

Tra i confronti annunciati per quanto riguarda le altre classi nel Gruppo N la vittoria va allo sloveno Darko Peljhan con Matei Car su Mitsubishi Lancer Evo IX, davanti a Emanuele Silvestri e a Riccardo Rigo, anche loro con la berlina giapponese. L’Adriatico-Marche ha fatto sorridere anche Mattia Codato su la Citroen Ds3 N5 dopo due round sfortunati in questo CIRT 2020.

Tra le vetture di classe R2, grande soddisfazione per Jacopo Trevisani al comando della classifica riservata alle piccole vetture a due ruote motrici, che è riuscito a bissare la vittoria nell’ultima di campionato con la sua Peugeot 208 terminando davanti alla Ford Fiesta di Enrico Oldrati e Jean Philippe Quilichini. 

CIRT Storico

Ad aggiudicarsi il quarto round stagionale è stato Bruno Pelliccioni insieme a Mirco Gabrielli. Secondo posto assoluto per Roberto Galluzzi e Andrea Montagnani su Opel Corsa. A completare il podio un’altra Ford Escort, quella di Domenico Mombelli e Marco Leoncini. 

Campionato Cross Country Rally

L’evento marchigiano ha visto il ritorno per gli specialisti del fuoristrada. Vittoria per Manuele Mengozzi su Mitsubishi Pijin affiancato da Andrea Schiumarini, che ha saputo approfittare dell'errore di Lorenzo Codecà, capottatosi sulla prova due con la sua Suzuki Gran Vitara ufficiale.

Successo nel Suzuki Challenge per Andrea Luchini tra le vetture di gruppo T2 della casa di Hamamatsu e al top della classifica tricolore tra i veicoli di serie. Grande prestazione nella gara riservata ai Side By Side, del giovane piemontese Amerigo Ventura Montecamozzo sul Quaddy Yamaha YXZ 1000, autore dei migliori scratch della virtuale classifica generale. Tra le vetture di gruppo TH il migliore è stato Simone Grossi con la Land Rover Defender 4600.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Daniele De Bonis

Il neonato tricolore rally per vetture d'epoca - sullo sterrato della provincia senese - ha visto il successo della Lancia Stratos. Prossimo appuntamento la terza settimana di...