Ultimo aggiornamento  24 ottobre 2021 13:58

Karma prepara per il 2021 la sua elettrica.

Angelo Berchicci ·

E’ rimasta un po’ indietro nella competizione tra startup, ma ora l’azienda sino-californiana Karma Automotive sembra voler recuperare terreno nel campo delle auto elettriche. Il costruttore ha infatti annunciato l’arrivo, nel 2021, del suo primo veicolo interamente a batteria (finora Karma ha realizzato solo l'ibrida plug-in Revero): si tratterà di una berlina ad alte prestazioni, e sfiderà quindi la Tesla Model S, la Lucid Air e la Porsche Taycan.

Promette prestazioni importanti 

Della prossima vettura di Karma sappiamo solo che si ispirerà alle linee aggressive della berlina Revero, ma avrà un prezzo di partenza inferiore ai 115mila euro dell’attuale vettura, e ovviamente sarà capace di una percorrenza a zero emissioni superiore rispetto agli 80 chilometri dichiarati dall’ibrida. 

L’auto sarà declinata in vari step di potenza e autonomia, a cui corrisponderanno altrettanti formati di batteria, con quello maggiore rappresentato da un accumulatore con capacità di 100 chilowattora, che preannuncia prestazioni importanti (per dare un’idea, la Lucid Air nella massima versione Dream Edition da 1.080 cavalli è dotata di una batteria da 113 chilowattora). 

Un'intera famiglia di veicoli

Maggiori dettagli sull’auto saranno svelati nel corso del 2021, fino alla sua presentazione che dovrebbe avvenire al termine del prossimo anno. Per chi vuole essere tra i primi a ricevere la vettura, questa è già pre-ordinabile sul sito del costruttore, versando un acconto di 100 dollari. Ma la GSe-6 – questo il nome in codice del progetto – non è l’unica novità a cui stanno lavorando in Karma.

La berlina a batteria farà infatti parte di un’intera famiglia di veicoli elettrificati, chiamata GS, che dovrebbe comprendere anche vetture con una dichiarata indole sportiva, come mostrano i concept della granturismo Karma GT, presentata lo scorso anno e disegnata da Pininfarina, della barchetta SC1 e della coupé SC2.

Una storia travagliata

“Finalmente possiamo annunciare la nostra prima auto elettrica – ha dichiarato Lance Zhou, ceo di Karma Automotive -. Un passo che è stato reso possibile grazie alla riduzione del costo della componentistica e a una razionalizzazione della nostra catena di approvvigionamento. Questo ci permetterà di rendere le vetture della famiglia GS più competitive per il mercato, e posizionarle nel settore del lusso accessibile”.

Karma Automotive, con sede a Irvine in California, è nata nel 2014 in seguito all’acquisto da parte del gruppo cinese Wanxiang della precedente società Fisker Automotive, fondata nel 2007 da Henrik Fisker (il quale ora è a capo della Fisker Inc, che produce il suv elettrico Ocean). Dopo averla risollevata dalla bancarotta, gli imprenditori cinesi hanno rinominato l’azienda e investito oltre 2 miliardi di dollari nel suo rilancio. 

Tag

Berline elettriche  · Karma  · Karma Automotive  · Karma Revero  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Battuto il record della Model S grazie a un prototipo ad alte prestazione della elettrica Air. Si attende però il tentativo ufficiale. E soprattutto, la reazione di Elon Musk

· di Sergio Benvenuti

Il primo modello a batteria della giovane società californiana avrà batterie di capienza diversa per tre autonomie: da 320, 480 e 640 chilometri a zero emissioni