Ultimo aggiornamento  27 ottobre 2020 14:27

Volkswagen ID.4, cittadina del mondo.

Edoardo Nastri ·

In un evento online, Volkswagen ha spiegato la strategia per la nuova ID.4, il suo secondo modello totalmente elettrico costruito sulla piattaforma Meb, indicata come una vera "global car”, veicolo adatto a tutti i principali mercati automobilistici del mondo. “Le ragioni sono due - spiega in collegamento Skype da Wolfsburg Ralf Brandstätter, ceo di Volkswagen da giugno 2020 -, è un suv, l’architettura che va per la maggiore, e la sua versatilità si adatta perfettamente ai clienti di Europa, Usa e Cina”.

Per il numero uno del marchio tedesco aver investito in diversi modelli a ruote alte è fondamentale: “I suv continueranno la loro inarrestabile crescita. Crediamo infatti che entro il 2025 il 50% delle nostre vendite sarà proprio composta da vetture a ruote alte di diverse tipologie e dimensioni. E la ID.4 contribuirà attivamente ad alimentare questo successo”, continua Brandstätter.

ID.4 cuore della gamma elettrica 

La ID.4 rappresenterà il cuore della Volkswagen ID. Family, la famiglia di vetture elettriche costruite sulla piattaforma Meb che dovrebbe raggiungere a pieno regime quota 1,5 milioni di esemplari prodotti entro il 2025: “Ci aspettiamo che la berlina ID.3 e il suv ID.4 siano i modelli che contribuiranno maggiormente al raggiungimento di questi obiettivi”, dice il ceo del marchio tedesco. La ID.4 è la prima auto elettrica che Volkswagen ha intenzione di vendere in tutto il mondo e il debutto ufficiale è previsto il 23 settembre.

“Rispetteremo i tempi di consegna della ID.4 previsti tra la fine di quest’anno e l’inizio del 2021. Nonostante le difficoltà a causa della pandemia di coronavirus abbiamo scelto di confermare tutti gli investimenti per lo sviluppo della mobilità elettrica, pari a 11 miliardi entro il 2024 solo per il nostro marchio”. Come per la ID.3, anche la ID.4 sarà proposta con tre pacchi batteria differenti da 45, 58 e 77 chilowattora.

La più potente avrà un’autonomia di 520 chilometri, calcolati da Volkswagen seguendo la procedura di omologazione Wltp. La ID.4, inizialmente venduta con la sola trazione anteriore, verrà proposta anche a quattro ruote motrici con il secondo motore posizionato sull’asse posteriore.

Produzione negli Usa dal 2022 

La ID.4  è costruita nell’impianto di Zwickau, in Sassonia, ma il piano prevede la sua produzione nei prossimi anni anche negli Stati Uniti e in Cina. “Saranno più 300mila le vetture basate sulla piattaforma Meb che usciranno nel 2021 dallo stabilimento di Zwickau”, puntualizza il ceo. All’aumentare dei modelli venduti crescerà anche il fabbisogno di batterie: “Grazie all’accordo con i nostri partner coreani di SK Innovation saremo in grado di soddisfare qualsiasi domanda di accumulatori”, continua Brandstätter.

Il costruttore tedesco sta adeguando i suoi impianti globali alla produzione delle elettriche sulla piattaforma Meb per avere una distribuzione diretta, più veloce ed efficiente: “I primi esemplari della ID.4 verranno spediti dall’Europa agli Stati Uniti, ma già nel 2022 inizieremo la produzione di questo modello nel nostro impianto di Chattanooga (Tennessee). Nel frattempo avremo altri nuovi membri della ID. Family da mostrare al mondo”.

Tag

Auto elettriche  · Meb  · Volkswagen  · Volkswagen ID.4  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

I suv elettrici di Volkswagen e Tesla hanno entrambi linee morbide e autonomia sopra i 500 chilometri. Con versioni d'ingresso che costeranno sotto i 40mila euro

· di Edoardo Nastri

L'ufficio brevetti cinese pubblica le foto del primo suv elettrico del costruttore tedesco realizzato sulla piattaforma Meb. Arriverà sul mercato entro la fine dell'anno