Ultimo aggiornamento  31 ottobre 2020 06:02

Toyota al Giro d’Italia fino al 2022.

Redazione ·

Toyota e Rcs estendono fino al 2020 l’impegno comune nella organizzazione della 103esima edizione del Giro d’Italia di ciclismo. L’accordo - che riguarda tutte le competizioni a due ruote organizzate dal gruppo editoriale, compreso il Giro E - è stato siglato a Milano da Urbano Cairo, presidente Rcs MediaGroup e dall’amministratore delegato di Toyota Italia Mauro Caruccio.

In sella

Saranno intanto 43 le auto del marchio giapponese a disposizione per l'edizione 2020 della corsa rosa che prenderà il via il 3 ottobre da Monreale per concludersi il 25 dello stesso mese a Milano: 37 Rav4 e 6 Corolla Touring Sport, tutte equipaggiate con l’ultima evoluzione della tecnologia full Hybrid di Toyota.

Secondo i dati rilevati l’anno passato, sugli oltre 160mila chilometri percorsi al seguito della carovana sportiva, le vetture hanno viaggiato più del 50% del tempo in modalità elettrica.

Altri gioielli

Alla partenza e all’arrivo di tutte le tappe sarà esposta la nuova Yaris Hybrid, nell’allestimento Premiere.

Il modello sarà anche protagonista della WeHybrid Race nella quale gli “ambasciatori” di Toyota si sfideranno lungo il percorso di alcune della tappe del Giro: chi riuscirà a percorrere più chilometri in modalità elettrica guadagnerà punti sugli avversari. Il tutto monitorato da Hybrid Coach, una funzione dell’app MyT in grado di registrare tempo e distanza percorsi a batteria.

Tre Mirai alimentate a idrogeno – invece, accompagneranno altrettante tappe a cronometro del Giro (Palermo 3 ottobre, Conegliano 17 e Milano il 25).

Tag

103esimo Giro d'Italia  · Mirai  · Rcs  · Toyota  · Yaris  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Parte la 102^ edizione della corsa ciclistica che unisce il nostro Paese. Tante storie di sudore e fatica a due ma anche a quattro ruote