Ultimo aggiornamento  31 ottobre 2020 23:04

Nissan, Micra alla francese.

Paolo Odinzov ·

Renault svilupperà e assemblerà la prossima generazione della Nissan Micra nelle varie versioni. A dirlo Ashwani Gupta, direttore esecutivo e membro del consiglio di amministrazione di Nissan, in una intervista al quotidiano francese Le Monde. Il manager ha ribadito l’intenzione dei partner dell’Alleanza di arrivare a una più stretta cooperazione nella produzione seguendo una strategia "leader-follower" che deleghi a ciascuna società il ruolo di assumere la guida su alcuni tipi di auto così da limitare al massimo i costi, visto il difficile momento finanziario in cui versano Nissan, Renault e Mitsubishi.

Ritornare alla redditività nel 2022

Nello specifico Nissan prevede una perdita netta di 5,4 miliardi di euro nel suo anno fiscale 2020-2021, simile a quella subita nel 2019-2020, e per ritornare alla redditività nel 2022 ha istituito un piano di ristrutturazione, messo a punto dallo stesso Gupta, nel quale è stabilità una riduzione del 20% della capacità produttiva con la chiusura di due stabilimenti, quello in Indonesia e il sito storico di Barcellona, fondato nel 1983, che ha visto oltre 30 modelli passare dalle proprie line di produzione.

L'intesa con De Meo

La Micra è già assemblata da Renault nello stabilimento di Flins in Francia, destinato però ad essere convertito nel 2024 ad attività di riciclo quando scadrà il ciclo di vita delle gamme di auto prodotte lì tra cui l’elettrica Zoe. La prossima generazione verrà dunque realizzata in un altro sito in accordo anche con le direttive di Luca de Meo, neo direttore generale Renault con il quale Gupta sembra aver già trovato una proficua intesa, e alle prese anche lui con una completa ristrutturazione dalla Casa francese che prevede accanto a Renault, Dacia e Alpine la nascita di una unità aziendale dedicata alle nuove forme di mobilità.

Tag

Micra  · Nissan  · Renault  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

La nuova sportiva del marchio sarà presentata in forma di concept il 16 settembre. Stile del passato e a bordo ci dovrebbe essere un V6 biturbo da 400 cavalli

· di Redazione

Dopo aver annunciato a maggio la chiusura delle tre fabbriche catalane entro l'anno, la Casa giapponese potrebbe decidere di prolungare la deadline e riattivare il sito

· di Paolo Odinzov

Presentato il crossover a batteria che farà da apripista ai futuri modelli a zero emissioni della Casa giapponese. A 2 e 4 ruote motrici con autonomia fino a 500 km