Ultimo aggiornamento  30 novembre 2021 23:37

Toyota GR Yaris, in vendita entro l'anno.

Valerio Antonini ·

La Toyota GR Yaris - secondo modello dopo la GR Supra della gamma sportiva Gazoo Racing, variante ad alte prestazioni della vendutissima compatta - arriva sui mercati europei entro la fine dell’anno. In Italia è disponibile con l’allestimento top, il “Circuit”, al prezzo di 39.900 euro.  

Rispetto alla Yaris tradizionale, la variante GR ha carrozzeria in fibra di carbonio e alluminio - rielaborata per favorirne l’aereodinamica - e baricentro più basso. Caratteristiche che, combinate al performante propulsore turbo 3 cilindri da 1.6 litri e 261 cavalli, le consentono di accelerare da 0 a 100 in poco più di 5 secondi.   

Tra le altre novità della Yaris in versione "Circuit": cerchi in lega da 18 pollici con pneumatici sportivi Michelin Pilot, doppio differenziale a slittamento limitato, pinze dei freni rosse, sospensioni da competizione, doppi terminali di scarico e volante in pelle. La verniciatura della livrea è bianca con finiture in rosso, nero e argento.   

Costruita a Motomachi

La GR Yaris viene costruita nella fabbrica di Motomachi, a Toyota City, e anticipa la prossima generazione della Wrc non destinata però all’omologazione stradale ma al mondiale di rally. Il modello è basato sulla nuova piattaforma modulare Tnga di Toyota e prevede la trazione integrale. Gli ingegneri di Gazoo Racing hanno utilizzato la parte anteriore dell’architettura per auto di segmento A/B (la stessa della sorella non sportiva) e la parte posteriore per vetture più grandi (B/C) come la best seller Corolla. Questa ripartizione è stata studiata per alleggerire il frontale e consentire una maggiore controllo dell’auto specialmente in curva. 

Tag

Gazoo Racing  · Giappone  · GR Supra  · TNGA  · Toyota Gr Yaris  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Quando venne lanciata nel 2012 la giapponese era l'unica utilitaria full hybrid. Oggi ci sono anche la Honda Jazz e la Renault Clio E-Tech. Ecco come sono fatte e quanto costano

· di Edoardo Nastri

Davanti agli azionisti, il presidente Akio Toyoda prevede un utile operativo in calo dell'80% ma garantisce che ci saranno degli utili. Niente tagli alla produzione in Giappone