Ultimo aggiornamento  14 aprile 2021 18:42

ACI e FIA, a Bergamo tributo alla sanità.

Redazione ·

ACI e FIA (Federazione Internazionale dell'Automobile), rappresentate dai rispettivi presidenti, Angelo Sticchi Damiani e Jean Todt, hanno colto l’opportunità dell’imminente Gp d’Italia a Monza per tributare un nuovo caloroso ringraziamento, a nome di tutti gli italiani e non solo, agli operatori della sanità, medici, infermieri, addetti della Croce Rossa che in questi mesi si sono distinti nella lotta al coronavirus. 250 di questi "eroi" saranno l’unico pubblico ammesso al Gp d'Italia di domenica 6, visto che la gara si svolgerà a porte chiuse.

L’occasione è stata l’incontro #KeepDistance&GoBetter che si è tenuto presso la sede della Croce Rossa di Bergamo, città simbolo della pandemia nel nostro Paese e fulcro della battaglia contro la diffusione del Covid-19. Alla giornata erano presenti – tra gli altri – Francesco Rocca, presidente della federazione internazionale della Croce Rossa, le autorità cittadine rappresentate dal sindaco Giorgio Gori e alcuni dei più importanti dirigenti della FIA.

“Bergamo simbolo dell'Italia”

Bergamo  - ha detto nel suo intervento il presidente Angelo Sticchi Damiani - è un simbolo. Grande. Grandissimo, anzi. Non solo per l'Italia, ma per tutto il mondo. Simbolo della ferita più grande, ma anche della rinascita più grande. La mano invisibile di questo nemico subdolo e letale ha colpito qui più forte che altrove. Ma qui, ancora più forte che altrove, hanno lavorato le mani visibili di quanti lo hanno combattuto, fermato e che presto riusciranno a debellarlo. Penso a medici, infermieri, personale ospedaliero e della Croce Rossa che, da lunghi mesi ormai, combattono in prima linea, spesso a rischio della loro stessa vita. Loro non vogliono essere chiamati eroi, anche se ciò che hanno fatto e stanno facendo è davvero eroico”.

“Queste persone - ha continuato il presidente dell'ACI - sono la parte migliore di noi. È soprattutto grazie a loro se Bergamo è diventata il simbolo dell'Italia che ce la fa. Per questa ragione, nonostante, quest'anno, il Gran Premio di Monza si disputi a porte chiuse, ACI ha deciso di invitare 250 di queste persone ad assistere alla gara. Mi auguro che le più alte cariche istituzionali saranno al fianco dell'Automobile Club, FIA, piloti, team, tifosi e appassionati di tutto il mondo nel tributare a questi campioni di scienza, umanità e responsabilità l'applauso scrosciante che meritano”.

“Lavoro vitale”

“Il lavoro che le donne e gli uomini della Croce Rossa stanno portando avanti a Bergamo come nel resto del mondo è vitale per combattere la pandemia”, ha detto Jean Todt che ha anche proseguito: “la FIA impegna tutte le proprie energie, così come quelle del mondo del motorsport per essere al loro fianco in questi momenti difficili”.

Tag

#KeepDistance&GoBetter  · ACI  · Angelo Sticchi Damiani  · FIA  · Jean Todt  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

L’Automobile Club d'Italia e le Federazione Internazionale inaugurano una campagna per sensibilizzare i ragazzi - i più esposti al rischio incidenti - sui rischi che si corrono in...

· di Redazione

Sticchi Damiani, presidente ACI: "Impegno straordinario per anno straordinario". Gara a porte chiuse 4-6 settembre: solo 250 operatori sanitari ospiti sulle tribune e fan virtuali

· di Redazione

Grazie all'iniziativa solidale Face For Fan, gli appassionati di F1 potranno essere presenti con una propria sagoma al GP d’Italia che si svolgerà a porte chiuse causa Covid