Ultimo aggiornamento  21 ottobre 2021 00:30

Cityscoot lascia Roma.

Redazione ·

Dal primo settembre, Cityscoot interrompe ufficialmente il servizio di scooter sharing a Roma a distanza di poco più di un anno dal suo arrivo. La pandemia da coronavirus, ma anche il recente arrivo di un'altra competitor (la spagnola Acciona) e il consolidamento delle più utilizzate ZigZag ed eCooltra - operative rispettivamente dal 2016 e 2017 - hanno costretto l'azienda francese ad abbandonare l'attività per il crollo della domanda.

"Purtroppo, dalla fine dell'isolamento, la nostra attività nella Capitale non è mai tornata agli standard storici, a differenza di tutte le altre città in cui operiamo. Come operatore privato, non possiamo mantenere le nostre attività in questo contesto e dobbiamo concentrarci su altre città dove il bisogno è maggiore e la domanda è più dinamica", si legge nella nota ufficiale.

Il servizio, comunque, proseguirà a Milano, Barcellona, Parigi e Nizza. Chiunque abbia minuti da utilizzare o pacchetti attivi potrà spenderli in queste città, ha fatto sapere l'azienda. Altrimenti, chi volesse cancellare il proprio profilo e i relativi dati, può scrivere a privacy-it@cityscoot.eu e l'account verrà cancellato entro 30 giorni.

Tag

Cityscoot  · Roma  · Roma Capitale  · Scooter sharing  · 

Ti potrebbe interessare

· di Elisa Malomo

Il servizio Jump, acquisito da Lime dopo una fusione tra le società, è sospeso. I mezzi sono chiusi in un magazzino. Nel frattempo l'azienda americana rilancia i piani italiani