Ultimo aggiornamento  26 settembre 2020 04:09

Robin Williams genio "ribelle".

Linda Capecci ·

Il 21 luglio 1951 a Chicago nasceva Robin Williams: l'attore protagonista di alcuni tra i più celebri film per famiglie di sempre, da "Hook- Capitan Uncino" (1991) a Mrs. Doubtfire (1993) e "Patch Adams"(1999), che però si è aggiudicato l'Oscar solo nel 1998 per "Will Hunting - Genio ribelle" di Gus Van Sant. Eclettico e geniale, purtroppo si è spento nel 2014, oggi avrebbe festeggiato 69 anni. Ricordiamo lui e il suo rapporto con le quattro ruote attraverso qualche aneddoto, ma la sua vera passione era il ciclismo.

Non molti sanno che, il padre del protagonista de "L'attimo fuggente" Robert Fitzgerald Williams, era un dirigente della Ford Motors. Eppure l'attore non ha mai avuto un'incontenibile passione per le automobili. In un'intervista rilasciata al TIME nel 1979, nel momento di massima ascesa alla fama grazie alla sit com televisiva della ABC, "Mork & Mindy", Williams disse che avrebbe continuato a guidare la sua Land Rover del 1966, e che non l'avrebbe mai sostituita con un'auto più accattivante come una Mercedes o una Rolls-Royce perché voleva una macchina simile a lui.

Nei Film

Forse non tutti lo ricorderanno nella black comedy del 1990 "Cadillac Man", in cui veste i panni del proprietario di una ditta di auto usate: carico di debiti minaccia di licenziare gran parte del personale. Per una serie di strane coincidenze le cose si complicano, tanto che il finale è tragicomico: con i clienti sequestrati nell'autosalone e l'edificio circondato dalla polizia.

Chissà quanti  poi, da bambini o con i propri figli, avranno visto "Jumanji" di Joe Johnston (1995): rimane impressa nella memoria la storia di Allan Parish (Williams), un dodicenne rimasto intrappolato per 26 anni nella dimensione parallela del gioco da tavolo che dà il nome al film. D'altronde le regole erano chiare: "Nella giungla dovrai stare finché un cinque o un otto non compare". Il piccolo Allan impara così ad affrontare i pericoli della foresta, ma tra un leone e una pianta carnivora, non riesce di certo a prendere la patente. Così, quando i piccoli fratelli Shepherd riescono a liberarlo facendo uscire la giusta combinazione con i dadi e lui, ormai 40enne, si materializza nella sua vecchia casa, trovandosi costretto a continuare "Jumanji" per aiutarli, mette in gioco anche le sue improvvisate abilità di guidatore in un divertente inseguimento su strada tra mandrie selvagge, scimmie e poliziotti.

Il ciclismo

Curiosità di vita reale o di finzione su Robin Williams e le quattro ruote, ma in realtà il ciclismo era la sua vera passione: aveva una collezione di 87 biciclette che sono state battute ad un'asta benefica dai 3 figli; molte due ruote italiane, specialmente quelle che hanno raggiunto le quotazioni più alte tra le quali Colnago Master Pista e La Carrera. Ricordi costosissimi di un attore molto più prezioso.

Tag

Bicicletta  · Jumanji  · Land Rover  · Robin Williams  · Rolls-Royce  · 

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

Da "Bullitt" a "Grindhouse", ecco alcuni titoli da rivedere, quantomeno per le sequenze più spettacolari dei movie on the road. Guarda i VIDEO