Ultimo aggiornamento  08 agosto 2020 21:04

Il nuovo logo di Opel.

Edoardo Nastri ·

Il debutto della nuova Opel Mokka, crossover anche elettrico del costruttore tedesco del gruppo Psa, porta con sé anche un aggiornamento del logo Opel, il mitico fulmine circondato dal cerchio presente dal 1963 su tutti i modelli del costruttore tedesco. “L'anello che lo circonda è ora più sottile, più delicato, più preciso e più distintivo. Ciò enfatizza ancora di più il fulmine”, dice Mark Adams, responsabile del design Opel.

“Tutti i dettagli sono più nitidi e il raggio è ora molto piccolo. La scritta Opel è integrata nella parte inferiore dell'anello, come una raffinata incisione in un gioiello”. Un cambiamento reso ancora più evidente dal fatto che il nuovo logo viene integrato in quello che Adams chiama “Vizor”, la nuova mascherina frontale che caratterizzerà tutti i modelli Opel dalla Mokka in poi e che si compone di un singolo pezzo contente proiettori e, appunto, logo.

Rinnovato quattro volte in 57 anni 

Non è la prima volta che il costruttore tedesco modifica il design del suo logo. In 57 anni il badge ha conosciuto diversi aggiornamenti, precisamente quattro. Se inizialmente aveva una forma piatta, negli anni 2000 ha assunto un aspetto maggiormente tridimensionale, con fulmine ed emblema posizionati più vicini.

Il passaggio graduale all’era elettrica sta cambiato l’aspetto di diversi loghi di costruttori automobilistici: nell’ultimo anno ad esempio Bmw e Volkswagen hanno optato per un design più piatto e monodimensionale dei loro badge, all’insegna della semplificazione.

Tag

Logo  · Opel  · Opel Mokka  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

È stato uno dei modelli che ha rilanciato la Casa negli anni Sessanta, con lei il costruttore ha abbandonato pinne e curve in favore di un design più sobrio e lineare

· di Edoardo Nastri

Nuovo badge anche per Toyota: bidimensionale, semplice e senza scritte in lettere. Così han fatto pure Bmw, Nissan, Opel e Volkswagen

· di Elisa Malomo

Dopo Volkswagen, anche il costruttore di Monaco ha presentato un inedito simbolo, ora bidimensionale e trasparente, che firmerà i prossimi modelli e la comunicazione aziendale

· di Edoardo Nastri

Dopo 19 anni, il dieselgate e la svolta elettrica ci voleva "un cambio di passo epocale", ci dice a Wolfsurbg Klaus Bischoff, capo del design del marchio. 70mila pezzi subito