Ultimo aggiornamento  08 agosto 2020 18:56

Maserati Nettuno, il motore della MC20.

Sergio Benvenuti ·

Maserati Nettuno è il nuovo motore V6 destinato alla MC20 al debutto in settembre, sviluppato dalla Casa modenese adottando la tecnologia delle monoposto della Formula 1. Gli ingegneri assicurano più efficienza, maggiori prestazioni e riduzione dei consumi.

630 cavalli

La supersportiva MC20 - la cui prima è prevista il 9 e 10 settembre durante l'evento "MMXX: The time to be audacious" - sarà la prima Maserati a essere equipaggiata con il Nettuno. Il propulsore è stato progettato e sviluppato presso Polo Motori dell'impianto di viale Ciro Menotti, dove sarà anche prodotto. Il nuovo motore è un 6 cilindri a V di 90°, biturbo, 3.0 litri di cilindrata, carter (scatola o involucro) secco, in grado di erogare 630 cavalli a 7500 giri/minuto e ben 730 nanometri di coppia a partire da 3000 giri/minuto. La potenza specifica è di 210 cavalli/litro. L'anima del motore è l'innovativo sistema di combustione precamera con doppie candele che deriva appunto dalla Formula 1. 

Le caratteristiche principali

Nettuno ha tre caratteristiche principali: la precamera, inserita tra l'elettrodo centrale e la camera di combustione tradizionale e collegata da una serie di fori appositamente progettati, la candela laterale, che funge da supporto per garantire una combustione costante quando il motore funziona a un livello che non richiede l'utilizzo della precamera, e il sistema a doppia iniezione diretto e indiretto, collegato alla pressione di alimentazione del carburante a 350 bar, al fine di ridurre il rumore a bassi regimi, contenendo le emissioni e migliorando i consumi. 

Tag

Maserati  · Maserati MC20  · Motore  · Nettuno  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La berlina ora è declinata anche in versione mild-hybrid: un inedito 4 cilindri turbo a benzina da 2.0 litri e 330 cavalli abbinato a un piccolo alternatore-generatore

· di Redazione

Causa coronavirus, l'evento dedicato al rilancio del marchio con la presentazione della supersportiva è stato posticipato di quattro mesi