Ultimo aggiornamento  30 novembre 2020 15:11

Ineos Grenadier, il fuoristrada nato in un pub.

Sergio Benvenuti ·

A Londra, a metà strada tra Hyde Park Corner e i grandi magazzini di Harrod's a Knightsbridge, c'è Wilton Row, un vicolo che al civico 18 apre le porte al pub The Grenadier. Proprio lì, più o meno tre anni fa durante una serata apparentemente come le altre, alcuni amici si ritrovarono a sorseggiare una birra in compagnia. In una discussione animata tra appassionati di auto, nacque l'idea di progettare un fuoristrada, pratico e concreto, durevole e affidabile. Insomma, unico.

La proposta arrivò dall'imprenditore britannico Jim Ratcliffe, oggi presidente di Ineos Automotive - sussidiaria di Ineos Group, azienda dei settori petrolchimico, dei prodotti chimici speciali e petroliferi - che intravedeva l’opportunità di offrire sul mercato un mezzo 4x4 mai visto. Era il 2017. A distanza di tre anni, Ratcliffe ha mantenuto la promessa e lo ha ribattezzato con il nome del locale. 

Più di 200 ingegneri si sono impegnati a fondo per costruire da zero la vettura, che svela un design dove "la forma segue la funzione”, come amano ripetere in Ineos, ma che in tutto e per tutto riprende lo stile del mitico Land Rover Defender. Dal prossimo anno partiranno i test su strada che prevedono prove per 1,8 milioni di chilometri su ogni tipologia di terreno. Con il supporto del partner austriaco Magna Steyr, il Grenadier entrerà in produzione verso la fine del 2021. Bmw collaborerà per la fornitura dei motori.

"Qualcosa di diverso"

“Abbiamo delineato le caratteristiche di un fuoristrada 4x4 moderno, razionale e incredibilmente capace, un veicolo in cui la funzionalità è al centro di tutto”, ha dichiarato Toby Ecuyer, capo del design. “Uno stile chiaro, immediato, senza ambiguità. Una vettura in cui tutto è sostanza e niente è apparenza. Grazie alle moderne tecniche produttive e ingegneristiche abbiamo dotato il Grenadier di capacità all’avanguardia, pur rimanendo fedeli all’autentica essenza di un veicolo da lavoro pratico e funzionale che supererà la prova del tempo.”

Dirk Heilmann, amministratore delegato di Ineos Automotive, ha affermato: “Siamo felici di condividere in anteprima con il pubblico il design del Grenadier. La maggior parte dei costruttori si tratterrebbe dal rivelarlo, ma noi siamo una nuova realtà, stiamo dando forma a un nuovo brand, e vogliamo portare le persone con noi in questo fantastico viaggio. Mostrare il design ci permette di concentrarci sulla prossima fase decisiva nello sviluppo del veicolo, vale a dire collaudarne le capacità e la resistenza. Ci attende un programma molto impegnativo, nel quale metteremo i prototipi a dura prova in ogni sorta di condizione".

Jim Ratcliffe, presidente di Ineos, ha dichiarato: “Il Grenadier nasce dall’aver saputo intravvedere un’opportunità trascurata da diversi costruttori: un fuoristrada pratico ed essenziale. Da questo vuoto nel mercato è nato il nostro progetto di un 4x4 efficace, durevole e affidabile, costruito per affrontare gli ambienti più ostili al mondo. E con un look in linea con il suo animo senza compromessi. Come vedrete oggi, Toby e il suo team hanno fatto un ottimo lavoro, dando vita a un design al tempo stesso distintivo e determinato".

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Sergio Benvenuti

Il primo prototipo del fuoristrada dell'imprenditore Jim Ratcliffe è in mostra al Concours of Elegance ad Hampton Court Palace dal 4 al 6 settembre

· di Paolo Odinzov

Il marchio punta su un inedito crossover a zero emissioni sviluppato con la cinese Great Wall e su un suv più grande dell'attuale Countryman