Ultimo aggiornamento  08 agosto 2020 21:08

Aston Martin Vantage Roadster, la più veloce a scoprirsi.

Paolo Odinzov ·

Un fulmine sulla strada ma anche a scoprirsi. Alla Aston Martin Vantage Roadster spetta il record di essere la vettura che impiega il minor tempo a far sparire la sua capote. Appena 6,7 secondi, anche in marcia fino a 50 chilometri orari, una magia che sulla Bond car per eccellenza questa volta non è opera dei tecnici al lavoro per i servizi segreti di Sua Maestà, ma degli ingegneri di Gaydon.

Si ripiega a Z premendo un tasto

Quest’ultimi hanno ideato per la vettura un particolare meccanismo elettrico di piegatura a Z della capote, rigorosamente in tela, che oltre ad essere rapidissimo è anche estremamente compatto permettendo di mantenere un bagagliaio della capacità di 200 litri. L’intera struttura è inoltre ultra leggera e la versione Roadster della Aston Martin Vantage pesa solo 60 chili in più rispetto alla coupé, per un vantaggio anche nelle prestazioni.

Un V8 da 510 cavalli

Spinta da un V8 di 4.0 litri da 510 cavalli e 685 newtonmetri di coppia, abbinato a un cambio manuale 6 marce o automatico ZF a 8 velocità, l’inglese può infatti raggiungere - ove consentito - una velocità massima di 306 chilometri orari, incollando pilota e passeggero ai sedili con uno scatto da 0 a 100 in appena 3,7 secondi. Numeri da brivido che la pongono ai vertici della categoria.

Nessun compromesso

“Le auto sportive convertibili sono spesso viste come un compromesso rispetto ai loro equivalenti coupé, la Vantage Roadster è invece capace di fornire dinamiche di guida straordinarie e precise, che mettono in luce l’estrema potenza della vettura, oltre ad aggiungere l’ebrezza di guidare un'auto sportiva dal suono eccezionale con il tetto abbassato”, dice Matt Becker, ingegnere capo di Aston Martin. Per provare l’emozione bisogna spendere però 139mila euro, optional esclusi naturalmente.

Tag

Aston Martin  · Cabriolet  · Vantage Roadster  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Sam Holgate, designer del marchio inglese, racconta la genesi del primo suv della storia del costruttore. Un modello che potrebbe favorire la ripresa del brand

· di Angelo Berchicci

Questo nome venne utilizzato la prima volta nel 1950. Da allora ha indicato le versioni potenziate delle vetture di Gaydon fino a diventare dal 2005 un modello a parte