Ultimo aggiornamento  05 dicembre 2021 10:26

Waze si rinnova e introduce gli "umori".

Carlo Cimini ·

Con la ripresa graduale della mobilità, la riapertura dei confini regionali e delle frontiere, l'app di navigazione social Waze - nata in Israele e di proprietà di Google, che vanta una community di oltre 130 milioni di automobilisti - si rinnova graficamente: logo aggiornato, icone con colori più brillanti e vivaci e un nuovo linguaggio visivo basato sul sistema delle strade, definito “blocco per blocco”. Ma la grande novità riguarda i “Moods”, ovvero la possibilità da parte degli utenti iscritti di comunicare il proprio stato d'animo con una espressione simile alle ben più conosciute emoji delle chat di messaggi.

Emozioni in viaggio

I "Moods" da condividere saranno 30: tra questi, Green, Scettico, Mal d’auto, Zen e Robot. Successivamente ne verranno introdotti altri. Gli "Umori", secondo Waze, sono importanti perché "consentono agli automobilisti di esprimere e comunicare le proprie emozioni, poiché l’app non si basa solo sulla tecnologia, ma anche e soprattutto sulle persone". Per selezionare un nuovo "Mood" basta scaricare l’ultima versione di Waze, effettuare l'accesso con le proprie credenziali e cliccare nel menù principale la sezione "Il mio umore". 

"Strade dall'aspetto umano"

"Waze racchiude la più grande community di automobilisti al mondo e le persone che utilizzano l’app, grazie al loro contributo, hanno permesso di trasformare le strade in un luogo dall’aspetto più umano. Abbiamo sviluppato un nuovo formato per la nostra mappa, introdotto nuovi Moods per catturare l'infinita serie di emozioni che tutti noi proviamo durante la guida”, ha detto Jake Shaw, a capo della creatività della società.

L’app si può scaricare gratuitamente sia per iOS che per Android ed è disponibile in più di 185 paesi e in 56 lingue. Con Waze si può pianificare un viaggio, calcolare in anticipo l’orario ideale per partire, ricorda al guidatore dove ha parcheggiato l’auto, informa sul costo di eventuali pedaggi e sui prezzi del carburante. Inoltre, si possono segnalare anche eventuali pericoli presenti lungo la strada (ostacoli, lavori in corso, semafori fuori servizio, veicolo fermo) e anche pericoli meteorologici (allagamento, nebbia, grandine o strada innevata).

Tag

App  · Google  · navigazione  · Waze  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

Chi utilizza il car sharing di Eni potrà iniziare il noleggio tramite l'app e allo stesso tempo accedere alle mappe cliccando l'icona presente sulla schermata dello smartphone