Ultimo aggiornamento  09 luglio 2020 12:32

Alex Zanardi, un'altra sfida da vincere.

Redazione ·

L’ex pilota di Formula 1 e campione paralimpico Alex Zanardi versa in gravissime condizioni all’opedale Le Scotte di Siena, dopo essere rimasto nel pomeriggio di venerdì coinvolto in un gravissimo incidente in Toscana.

Zanardi era alla guida della sua handbike e stava partecipando a una competizione nell’ambito del tour “Obiettivo Tricolore” quando lungo la statale 146 a Pienza in Val D’Orcia avrebbe perso il controllo del mezzo e si sarebbe schiantato contro un veicolo pesante che procedeva in senso inverso e che non avrebbe avuto, secondo i testimoni, nessuna responsabilità.

Immediatamente soccorso, il 53enne pilota è stato trasportato in condizioni gravissime con un elicottero a Siena: qui è stato sottoposto a un intervento di neurochirurgia d'urgenza per provare a ridurre le drammatiche conseguenze dell'impatto ed è ora è ricoverato in terapia intensiva. Al suo fianco la moglie Daniela. 

L’Italia al suo fianco

La notizia è immediatamente rimbalzata in tutto il Paese, suscitando un’ondata di emozione. Personalità della politica e dello sport hanno espresso la propria vicinanza al campione, già così duramente provato nel fisico dall’incidente del 2001 al Lausitzring nel quale ha perso le gambe. Il presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte ha scritto sul proprio profilo social, “mai ti sei arreso e con la tua straordinaria forza d’animo hai superato mille difficoltà. Tutta l’Italia lotta con te”.

Vicinanza al pilota è stata espressa anche dal presidente del consiglio regionale della Toscana Eugenio Giani, mentre la campionessa olimpica Federica Pellegrini ha scritto “Forza Alex, adesso devi mettercela tutta”. Dolore e partecipazione è stata espressa anche da Luca Pancalli, presidente del Comitato Paralimpico italiano.

Tag

Alex Zanardi  · Formula 1  · Handbike  · Siena  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il fisico di Alex - ancora in coma farmacologico - risponde alle cure ma la prognosi resta riservata: a preoccupare è il quadro neurologico