Ultimo aggiornamento  27 novembre 2020 06:50

Fca: una lettera per George Floyd.

Linda Capecci ·

La voce dell'amministratore delegato di Fiat Chrysler Automobiles si aggiunge al coro dei giganti dell'automotive di Detroit in sostegno di Black Lives Matter. 

Mike Manley ha inviato una lettera ai dipendenti in cui dichiara di essere rimasto "profondamente turbato" dai recenti eventi negli Stati Uniti e ha dichiarato di respingere e disprezzare l'odio che ha portato alla morte di George Floyd, l'afroamericano ucciso a Minneapolis da un poliziotto.

Uniti contro il razzismo

"A nome di tutta l'azienda, rifiuto con enfasi l'odio e il pregiudizio che ancora permea il tessuto della nostra società e che ha portato alla morte di George Floyd e di tutte le vittime che lo hanno preceduto. Anche se stiamo vivendo questo problema negli Stati Uniti, la piaga del razzismo e della discriminazione non hanno rispetto per i confini internazionali. Come membri di una delle più grandi aziende del mondo, abbiamo assolutamente il potere individuale e collettivo di fare la differenza. Partendo dalla nostra condotta sul posto di lavoro fino a creare per tutti l'opportunità di realizzare il proprio potenziale, Fca può essere una forza potente e significativa per il cambiamento", ha detto Manley.

Tag

Blacklivesmatter  · FCA  · George Floyd  · Mike Manley  · 

Ti potrebbe interessare

· di Linda Capecci

I giganti Usa dell'automotive si uniscono al coro di aziende - come Apple, Netflix, Amazon e Nike - e condannano l'uccisione di George Floyd che sta infiammando l'America