Ultimo aggiornamento  09 luglio 2020 14:28

François: "Ecco la Fiat del futuro".

Edoardo Nastri ·

Nuovi modelli, elettrificazione e razionalizzazione della gamma. Queste le parole chiave della Fiat del futuro, così come l’ha spiegata il numero uno del marchio Olivier François alla testata inglese Auto Express. Nei primi mesi del 2022 uscirà la quarta generazione della Panda, disegnata seguendo un processo di ritorno alle origini di razionalità ed essenzialità del modello, ma con uno sguardo al futuro grazie a una versione elettrica e a un design ispirato alla Centoventi, concept car che ha debuttato al Salone di Ginevra 2019. 

“Panda e 500 sono il manifesto del nostro marchio, ma con due ruoli diversi. Nell’introdurre la 500 elettrica siamo partiti dalla più preziosa con un prezzo intorno ai 30mila euro. Con la Panda la filosofia sarà opposta, partiremo dalla versione più economica proprio come vuole lo spirito del modello. Non posso immaginare una Fiat senza la Panda”, ha dichiarato François. La nuova Panda per contenere i costi avrà pochi colori, ma sarà personalizzabile con accessori come sticker e fascioni paracolpi in plastica pensati per affrontare quel che chiama la “giungla urbana”.

Un solo modello tra 500X e 500L

La Panda dovrebbe essere il primo modello a utilizzare la componentistica del gruppo Psa, piattaforma Cmp compresa (per intenderci la stessa di Peugeot 208, Opel Corsa e nuova Citroen C4). Questo le permetterà di offrire, come le cugine francesi, motorizzazioni diesel, benzina o 100% elettriche, e l’attuazione di economie di scala estremamente profittevoli per il nuovo gruppo Fca-Psa. “La prossima Panda è uno dei primi progetti che non vedo l’ora di mostrare”, continua il manager francese.

Tra gli altri piani di Fiat c’è la convergenza di 500X e 500L in un unico modello, che probabilmente sarà proprio la stessa 500X, viste le scarse performance di vendita della monovolume negli ultimi anni, tutte confluite nel grande bacino del segmento suv e crossover.

La nuova generazione potrebbe avere le stesse caratteristiche stilistiche viste quest’anno sulla 500 elettrica, come maniglie a scomparsa, frontale ridisegnato e il logo 500 in vista, e, secondo quanto dichiarato, sarà disponibile anche a zero emissioni. Nel frattempo le attuali versioni X ed L verranno presto aggiornate con sistemi di propulsione mild hybrid.

La rinascita della Punto e la Tipo crossover

Nei piani del costruttore torinese sarebbe inoltre prevista la rinascita della Fiat Punto, uno dei modelli di maggior successo del marchio. “Abbiamo certamente bisogno di tornare con una vettura nel segmento B. Il progetto è stato rimandato più e più volte, ormai non è un mistero. E’ ancora presto per parlarne nei dettagli, arriverà il momento giusto”, continua François.

Per la Tipo invece il futuro che l’aspetta è da crossover. Fiat ha intenzione di presentare una versione a ruote alte della berlina che potrebbe chiamarsi Cross e di ampliare la gamma facendo nascere una vera e propria famiglia di modelli Tipo (un po’ come accaduto con le 500), per fronteggiare marchi come Nissan, Seat, Skoda e Hyundai-Kia. E’ previsto inoltre l’arrivo anche di una Tipo suv.

“La prossima generazione della Tipo andrà a competere nel segmento dei suv, potrebbe essere la rivale perfetta della Nissan Qashqai. Stiamo lavorando duramente per attuare questi cambiamenti il prima possibile”. 

Tag

Fiat  · Fiat 500  · Fiat Panda  · Fiat Tipo  · Olivier François  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Nel 1985 la berlina italiana propone il sistema Citymatic che spegneva il motore a vettura ferma per poi riaccenderlo automaticamente. Generando però ansia nei guidatori

· di Paolo Odinzov

Il concept celebra i 120 anni del marchio e prefigura una nuova piccola elettrica destinata a cambiare la mobilità. Elkann: "E' l'evoluzione dell'auto visto come bene di consumo...