Ultimo aggiornamento  30 ottobre 2020 02:30

McLaren annuncia 1.200 licenziamenti.

Colin Frisell ·

LONDRA -  Il gruppo McLaren taglia oltre il 25% della sua forza lavoro complessiva. Secondo una notizia riportata per prima da Sky News inglese e di seguito confermata dalla stessa Casa, i dipendenti che verranno licenziati saranno 1.200 su un totale di poco più di 4mila. Tutti i settori dell’azienda saranno colpiti dalla riduzione di personale. Circa 70 – sui 700 complessivi – gli stipendiati della scuderia di Formula 1 che perderanno il lavoro.

"Tagli drammatici"

Nelle ultime settimane McLaren aveva avanzato al governo di Londra una richiesta di prestito per 150 milioni di sterline, per fare fronte alla crisi che ha colpito l’intero settore automotive a causa della pandemia di coronavirus. Il beneficio, però, non è stato accordato. Solo pochi giorni fa si era diffusa la notizia che il costruttore avrebbe acceso una ipoteca sulla sede di Woking, portando come garanzia anche alcune delle auto da competizione storiche che si possono vedere presso il quartier generale dell’azienda.

Il presidente di McLaren Paul Walsh ha così commentato la notizia dei licenziamenti: “Si tratta di una decisione che non avremmo mai voluto prendere. Abbiamo lavorato molto per evitarla, facendo tagli anche drammatici in tutti i settori. Siamo ovviamente dispiaciuti per le ricadute che questa situazione avrà sui dipendenti e le loro famiglie”.

Anche la scuderia coinvolta

I tagli riguardano, come detto, anche una parte dei meccanici e degli ingegneri che lavorano per la scuderia di F1, che era stata la prima, al momento della diffusione del Covid-19, a mettere i dipendenti in cassa integrazione. In queste settimane l'amministratore delegato della McLaren Racing Zach Brown è stato tra i principali protagonisti della battaglia portata avanti dai piccoli team per l’introduzione di un “salary cap”, un tetto di spesa che per il 2021 non dovrà essere superiore ai 145 milioni di dollari. McLaren si era battuta perché scendesse fino a 100.

“Anche se questa scelta aziendale avrà delle ripercussioni sulla nostra organizzazione, cominceremo da subito a impegnarci per essere pronti alla sfida del 2021 – ha detto Brown – così da tornare a primeggiare nel nostro sport.

Il team McLaren ha ingaggiato per la prossima stagione l'australiano Daniel Ricciardo che sostituirà Carlos Sainz, passato alla Ferrari: gli stipendi dei piloti non rientrano comunque nella cifra complessiva massima che i team potranno spendere nel corso della stagione. 

Tag

coronavirus  · F1  · McLaren  · Woking  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

Il primo passo verso la completa elettrificazione della gamma inizia nel 2021 con una nuova super sportiva, ancora senza nome, in grado di marciare anche solo a batteria

· di Colin Frisell

Il costruttore in crisi di liquidità: servono 300 milioni di euro entro il 17 di luglio. Battaglia in tribunale per dare in garanzia di nuovi prestiti la sede e la collezione di...

· di Colin Frisell

Il costruttore inglese – a caccia di liquidità per affrontare la crisi – in cambio di un prestito sarebbe pronto a dare come garanzia alcune delle sue storiche auto da corsa