Ultimo aggiornamento  23 giugno 2021 09:37

Micromobilità, spazio ai quadricicli elettrici.

Elisa Malomo ·

Dopo lo stop causato dalla pandemia di coronavirus, la micromobilità urbana si prepara a ripartire più rapidamente di altri settori, sia per gli incentivi pubblici, sia perché le amministrazioni comunali stanno ridisegnando la viabilità a favore di tutti questi mezzi come alternativa a quelli pubblici.

Oltre a scooter, biciclette e monopattini a zero emissioni, l'industria dei quadricicli - mezzi ultracompatti elettrici a due a quattro posti- è al lavoro su diverse novità, alcune ancora in fase di prototipazione, altre pronte per scendere in strada. In Italia, grazie all'ecobonus statale esteso ai quadricicli leggeri (categoria L6) e pesanti (L7), possono essere acquistati entro la fine dell'anno con incentivi fino a un valore massimo di 3mila euro.

Minicar elettriche

Fra le novità c'è la minicar elettrica di Aixam, azienda francese nata nel 1983. Il mezzo ha una struttura in alluminio  ed è disponibile a gasolio e a batteria. Quest'ultima ha una ottima autonomia per il tipo di mezzo: grazie a un accumulatore da 6,14 chilowattora, può percorrere fino 130 chilometri senza doversi fermare per fare rifornimento.

È omologato come quadriciclo leggero e per guidarlo basta avere 14 anni di età e una patente Am. La Aixman elettrica è acquistabile dai 15.599 euro della versione base ai 18.999 euro di quella più sportiva.

Si ricaricano anche col sole

L'ultima proposta di Green Vehicles, azienda italiana specializzata in piccoli mezzi di trasporto elettrici, è l'Elettra Suv, dove l'acronimo Solar Urban Vehicle indica un sistema di ricarica basato sull'energia solare e non un veicolo a ruote alte. Secondo le stime dell'azienda, il pannello fotovoltaico in silicio cristallino collocato sul tetto sarebbe in grado di regalare il 20-30% in più di autonomia, che in termini di distanza equivalgono a circa 40-50 chilometri percorsi. Quattro posti, velocità massima di 80 chilometri orari e un'autonomia fino a 200 chilometri. Prezzo? 14.800 euro per i primi 50 clienti che, applicando gli incentivi, scendono a 11.800 euro.

Anche in Olanda, da anni attiva nello sviluppo di soluzioni "green", si percorre la strada dell'energia solare. La startup Squad-Mobility ha di recente presentato il progetto della Solar City Car. La piccola vettura sarà equipaggiata con un motore elettrico alimentato da una batteria da 4 chilowattora con un'autonomia fino a 100 chilometri. La ricarica, oltre che dalla tradizionale presa di corrente, avverrà anche attraverso il tetto solare. Attesa per l'ultimo trimestre del 2021, sarà disponibile con prezzi a partire da 5.750 euro più tasse.

Pensate per la condivisione

Dalla Germania arriva l'L7 Acm City e-Taxi, il quadriciclo elettrico nato in occasione del progetto Adaptive City Mobility e finanziato dal ministero dell'Economia e dell'Energia. Misura 350 centimetri in lunghezza e 148 in larghezza ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 90 chilometri orari. Due le soluzioni innovative del veicolo: le batterie modulari, due fisse e due supplementari, e la configurazione dei posti, uno avanti e due dietro, così da poter essere adattato al servizio di car sharing o a quello di taxi privato. Modulare, quindi, nella forma e nell'uso. I primi prototipi saranno disponibili ad ottobre.

Sempre in Europa, una società polacca ha da poco svelato il suo ultimo progetto. Si chiama Triggo (stesso nome della società) ed è un quadriciclo che, se "ripiegato", arriva ad occupare lo spazio di 86 centimetri. Difficile immaginare che uno spazio così ridotto possa ospitare più di una persona, eppure il mezzo è disponibile nella configurazione 1+1. Pensato per viaggi condivisi, dispone di un sistema di batterie intercambiabili in grado di garantire un’autonomia fino a 100 chilometri. Debutterà sul mercato nel 2021.

Ancora concept

Infine c'è Mole Urbana, il concept di un quadriciclo elettrico assimilabile, a colpo d'occhio, a una carrozza del futuro. Il progetto è firmato dal designer Umberto Palermo e sarà realizzato dall'azienda Pretto di Pontedera, che lavora già per Piaggio, Dongfeng e Isuzu. Disponibile in tre taglie, va dai 3,2 metri della versione small ai 3,7 di quella large e può ospitare fino a un totale di tre passeggeri. Il veicolo, 100% elettrico e italiano, è pensato per il noleggio e si potrà guidare a partire dai 14 anni di età con una patente AM.

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

La microcar ha 150 chilometri di autonomia e la commercializzazione ai privati sarà dal 2022. In Europa la aspettano Citroën Ami e Renault Twizy

· di Elisa Malomo

L'azienda tedesca presenta un prototipo a metà strada fra una bici e un'auto. Due posti, motore da 2.000 wattora e 150 chilometri di autonomia

· di Redazione

Il progetto è del designer Umberto Palermo. Si potrà soltanto noleggiare mentre la produzione comincerà alla Pretto di Pontedera dopo la fine dell'emergenza sanitaria