Ultimo aggiornamento  18 maggio 2021 00:36

Macron: "Forti misure" per l'auto.

Paolo Odinzov ·

Il presidente francese Emmanuel Macron è pronto ad annunciare “forti misure” a sostegno dei gruppi automobilistici. Lo ha reso noto il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire in un’intervista televisiva alla Bfm, secondo cui le misure complessive del governo francese a sostegno dell’economia per la crisi del coronavirus ammontano a "450 miliardi di euro, equivalenti al 20% del Pil nazionale”.

Più produzione in Francia

Quello automobilistico è l’ultimo comparto a ottenere un piano specifico a sostegno della ripresa. Viene svelato martedì 26 maggio e dovrebbe comportare aiuti in cambio dei quali il governo chiede ai due costruttori nazionali Renault e Psa di riportare in Francia una parte della produzione all'estero. Lo stato è per altro azionista di entrambi i gruppi, con il 15% nel primo caso e con il 12% nel secondo.

Il caso Renault 

La settimana scorsa, Le Maire aveva espresso forti preoccupazioni riguardo allo situazione di Renault, dicendo che "potrebbe scomparire" senza aiuti pubblici.

Oltre a incentivate la domanda di veicoli, è infatti opportuno che il settore possa beneficiare di una iniezione di capitali provenienti da linee di credito. Al momento, infatti il governo francese non ha ancora firmato la garanzia per il prestito da 5 miliardi raccolto attraverso le banche da Renault.

Tag

Emmanuel Macron  · Francia  · Gruppo Renault  · Incentivi  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il Primo Ministro Edouard Philippe è deciso a evitare la chiusura di stabilimenti. Tre i siti a rischio. Il piano di tagli da 2 miliardi verrà presentato lunedì ai sindacati