Ultimo aggiornamento  26 settembre 2020 05:23

Bancarotta Hertz: l'impatto sull'auto in Usa.

Edoardo Nastri ·

La compagnia di noleggio Hertz, tra le più grandi società di locazione di veicoli al mondo fondata a Chicago nel 1918, ha presentato istanza di fallimento in Usa e Canada. La decisione arriva a causa del crollo della domanda per la diffusione della pandemia di coronavirus che ha bloccato il mercato. Il provvedimento riguarda solo le filiali americane e canadesi della società, mentre al momento, Europa, Australia e Nuova Zelanda possono continuare la loro attività.

Il fallimento di Hertz avrà certamente un impatto sull’industria dell’auto americana se si pensa che solo lo scorso anno la sua flotta di vetture in Usa contava 567.600 unità e che la vita media di questi veicoli era di circa 18 mesi, al termine dei quali Hertz avrebbe effettuato un nuovo ordine e venduto i modelli sul mercato dell'usato. Tra i fornitori più importanti ci sono General Motors (21%), Fiat Chrysler (18%), Ford (12%) e Kia (10%).

Il noleggio è il 10% del mercato Usa 

Gli acquisti fatti dalle compagnie di noleggio pesano sul mercato americano per circa il 10% dei volumi annui, vista l’immatricolazione 1,7 milioni di auto nuove in media ogni 12-18 mesi. Una cifra enorme per l’industria delle quattro ruote americana che rischia di trasformarsi in perdita sommandosi a quelle del canale dei privati sempre per lo scoppio del virus.

Secondo gli ultimi dati di febbraio 2020, Hertz operava attivamente in 12.400 sedi a livello globale ed è stata penalizzata probabilmente anche dalla sua politica di business che non prevede un accordo di riacquisto con i costruttori del parco auto usato. Hertz per superare la crisi avrebbe quindi dovuto cercare liquidità immettendo nuovamente le sue vetture sul mercato dell'usato, anch'esso tuttavia in stallo a causa della pandemia.  

“Per via della situazione sanitaria rimangono incertezze su quando riusciremo a tornare a fatturare e sulla ripartenza del mercato delle auto usate”, ha affermato Hertz in un comunicato, specificando di essere al lavoro per la realizzazione di un piano per il pagamento dei creditori. La compagnia di noleggio ha dichiarato di avere una liquidità pari a circa un miliardo di dollari a fronte di debiti per circa 19 miliardi. 

Tag

Auto Usa  · Hertz  · Mercato auto Usa  · Noleggio  · 

Ti potrebbe interessare

· di Elisa Malomo

A causa della crisi che ha colpito duramente il settore del noleggio auto, il colosso americano fa cassa con le Chevy personalizzate per il suo centenario nel 2018