Ultimo aggiornamento  27 novembre 2020 07:21

A Rimini tornano i monopattini.

Marina Fanara ·

Dal 1° giugno a Rimini riprende lo sharing dei monopattini elettrici sospeso per motivi di lockdown. Lo annuncia l'assessore alla Mobilità, Roberta Frisoni, spiegando che presto il noleggio offerto da Lime e Bird, i i due operatori già presenti sul territorio, amplierà le zone servite.

L'utilizzo di dispositivi per la micromobilita elettrica, sottolineano al Comune, rientra nel pacchetto di misure attivate dall'Amministrazione per la cosiddetta "mobilità d'emergenza", per accompagnare la ripartenza, con l'obiettivo di offrire ai cittadini modalità sostenibili e alternative sia all'auto privata che alla minore disponibilità di mezzi pubblici necessaria a evitare nuovi contagi.

In arrivo incentivi regionali

Il Comune ricorda anche che è in atto un confronto tra Anci (l'associazione dei Comuni italiani) e il governo per consentire alle città di "realizzare, in tempi rapidi, tutti i lavori necessari a salvaguardare le persone che si muovono in bici e monopattini, in vista soprattutto di una maggiore diffusione di questi veicoli anche alla luce dei nuovi incentivi varati dal decreto rilancio (il bonus da 500 euro per l'acquisto di biciclette e microveicoli, ndr)".

Presto arriveranno anche ulteriori agevolazioni da parte della Regione Emilia Romagna per promuovere mezzi alternativi di spostamento in ambito urbano e per il bike to work.

Frisoni: servono risorse e nuove norme

“Il tema della mobilità è una delle priorità in questa fase d'emergenza sanitaria", sottolinea l'assessore Frisoni, "è necessario accompagnare la nostra città verso una ripartenza che non sia caratterizzata da un abuso dell'automobile privata per gli spostamenti quotidiani. Ci stiamo impegnando per fare in fretta in vista della stagione turistica, ecco perché in questa fase è necessario pensare a una mobilità di emergenza con piste ciclabili anche temporanee e dare più spazio alle persone con aree pedonali".

"Questa è un'occasione storica per recuperare i ritardi rispetto ad altri paesi europei", conclude l'assessore, "ma considerando i bilanci drammatici degli enti locali abbiamo bisogno del supporto del governo: servono risorse in tempi rapidi e la messa a punto di alcuni aspetti normativi che ci permetta di intervenire prontamente sulle infrastrutture stradali esistenti per migliorare la sicurezza di tutti gli utenti”.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il Comune fa accordi con le società di noleggio con autista per prezzi calmierati oltre a ridisegnare la mobilità della città e privilegiare la sostenibilità

· di Marina Fanara

Fase 2, il piano di mobilità nel capoluogo siciliano: "Ma servono nuove norme e risorse specifiche per infrastrutture adeguate e sicure", avverte l'assessore