Ultimo aggiornamento  11 luglio 2020 08:13

Ford, aria nuova in auto.

Redazione ·

Mai saliti su un’auto a noleggio o in car sharing per scoprire che all’interno si può trovare un pessimo odore? O, peggio ancora, che ci sia nell'aria qualche sostanza che scatena una reazione allergica? Ford ha messo a punto un sistema che punta a tenere sotto controllo proprio la situazione “olfattiva” delle vetture. Un brevetto che sarà utilizzato anche nei processi di igienizzazione dei veicoli condivisi alla luce dell'attuale emergenza sanitaria mondiale.

Come lavorano i sensori

La soluzione tecnica di Ford raccoglie le informazioni sugli odori all’interno di un veicolo utilizzando diversi sensori e – nel caso di auto a noleggio – è in grado anche di far combaciare i gusti del cliente, se già registrato nel database, con la condizione della vettura in consegna. Si potrà, inoltre, valutare la presenza di allergeni e nel caso intervenire con sanificazioni più mirate.

I sensori a bordo del sistema possono essere di diversa natura: si va da uno spettrometro a un cromatografo, un sensore a semiconduttore di ossido di metallo o a transistor. E ancora sensori di gas polimerico conduttore, piezoelettrici od ottici, fino a un biosaggio, cioè l'applicazione pratica di un metodo di laboratorio che consente di valutare qualità e intensità egli effetti introdotti da una determinata sostanza nell’ambiente circostante.

Tag

Car Sharing  · coronavirus  · Ford  · Noleggio  · Sanificazione  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

E' la soluzione ideata dalla Casa di Detroit per sanificare le vetture delle forze dell'ordine americane: dopo 15 minuti a 56 gradi di temperatura, l'abitacolo torna sicuro

· di Valerio Antonini

Maven, il servizio di auto in condivisione aperto nel 2016 dal colosso di Detroit, si ferma definitivamente. I dipendenti trasferiti in altri settori del gruppo