Ultimo aggiornamento  21 ottobre 2020 15:59

Volvo, niente stop all'elettrificazione.

Edoardo Nastri ·

La crisi causata dallo scoppio della pandemia di coronavirus costringe anche l’industria automobilistica a rivedere i propri piani. Dal lancio di nuovi modelli alle strategie di crescita per il futuro: “Abbiamo moltissimi progetti in corso e ci stiamo chiedendo quali siano i prioritari da portare avanti”, spiega Hakan Samuelsson, amministratore delegato di Volvo Cars, in un’intervista rilasciata ad Automotive News Europe.

Il ceo svedese mette subito le cose in chiaro: l’elettrificazione dei modelli non subirà ritardi. “Elettrificazione, guida autonoma e sviluppo tecnologico sono il cuore del nostro progetto. Eventuali cambiamenti in questi settori metterebbero a repentaglio la nostra strategia e di conseguenza saranno assolutamente salvaguardati”.

Facelift a rischio

In una probabile crisi globale di questa portata le priorità vanno riviste. Nel caso del comparto automobilistico di Volvo a rimetterci potrebbero essere i facelift dei modelli, aggiornamenti di forma ed estetica che ogni costruttore adotta quando una vettura giunge a metà della sua carriera. “In questo modo potremmo ridurre le nostre spese”, continua Samuelsson.

Avanti con l'elettrificazione

Il costruttore svedese non rivede quindi i piani per l’elettrificazione dei suoi modelli. L’offensiva elettrica sarebbe quindi pronta a proseguire il suo percorso come da programma. Volvo intende presentare entro il 2025 un modello a zero emissioni ogni anno

Il primo, al debutto pochi mesi fa, è stato il suv XC40 Recharge, basato sulla piattaforma CMA e mosso da due motori elettrici da 150 chilowatt (300 in totale), posizionati uno sull’asse anteriore e uno sul posteriore. I propulsori sono alimentati da batterie da 78 chilowattora per un’autonomia dichiarata di circa 400 chilometri. Dal 2025 ogni nuova Volvo sarà ibrida plug-in oppure 100% elettrica.

Tag

coronavirus  · elettrificazione  · Guida Autonoma  · Volvo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Disegnata nel 1979 da Gandini per essere un'auto di rottura nello stile della Casa svedese, diventò invece una Citroën ispirando la berlina BX venduta in 2,3 milioni di unità

 

· di Paolo Odinzov

Il costruttore: d'ora in poi limitata a 180 km/h. Un primo passo coraggioso che aumenta la sicurezza e arrivare prima a zero vittime e lesioni gravi negli incidenti. Chi seguirà?

· di Edoardo Nastri

Il suv compatto ora è anche a zero emissioni con 400 chilometri di autonomia, 408 cavalli e trazione integrale. In arrivo cinque modelli solo a batteria entro il 2025

· di Luca Gaietta

Il costruttore svedese lancia la versione a batterie del suo suv compatto: 408 cavalli per 400 chilometri di autonomia dichiarata. In arrivo 5 modelli a zero emissioni entro il...