Ultimo aggiornamento  28 settembre 2021 03:16

Auto, nel 2020 produzione -20%.

Redazione ·

La produzione globale di veicoli nel 2020 scenderà di oltre il 20%, fermandosi  a circa 71 milioni di pezzi, a causa della pandemia di Covid-19 e della conseguente recessione mondiale.

La previsione, che potrebbe rivelarsi addirittura ottimistica, è degli analisti della Lmc Automotive – citati da Reuters - secondo i quali il rallentamento sarà molto più forte di quanto si ritenesse a inizio anno e costerà ai costruttori 19 milioni di unità in meno. Molto dipenderà – dicono gli statistici -  dalla rapidità con la quale le principali regioni si riprenderanno e torneranno alla condizione standard.

Regioni in difficoltà

In Nord America, dove la maggior parte delle fabbriche è ancora ferma, le case automobilistiche sono state costrette a ritardare il lancio già pianificato di numerosi nuovi veicoli.

Secondo Lmc, anche le vendite toccheranno livelli minimi in aprile – sia in Nord America che in Europa (dove il calo a marzo è stato del 51,8%) per poi risalire, ma “in maniera non rapida”, nel periodo post pandemia.

La Cina, il primo Paese colpito dal nuovo coronavirus, ha già riavviato la maggior parte dei suoi stabilimenti automobilistici e si calcola che il calo delle vendite a fine anno dovrebbe attestarsi intorno al -12%.

Le prospettive

Secondo i ricercatori della IHS Markit, le aspettative per una rapida ripresa economica planetaria sono incerte, dopo che il passaggio del virus in gran parte dei Paesi del mondo ha fatto crollare le principali economie.

La società britannica prevede segnali di ripresa entro la fine dell'anno, avvertendo tuttavia che le proiezioni attuali "sono suscettibili di essere riviste al ribasso" man mano che la pandemia si esaurisce.

Tag

Cina  · Lmc Automotive  · Mercato auto  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Le immatricolazioni dimezzate a causa dell'epidemia di coronavirus. Nel trimestre -26,3%. Nel mese maglia nera a Fca (-74,4%) e all'Italia come mercato (-85,4%)