Ultimo aggiornamento  30 settembre 2020 02:43

Noleggio, chi scende (molto) e chi sale (poco).

Redazione ·

Chiusura degli impianti, blocco delle attività, crollo delle vendite, posticipazione delle consegne e interruzione del flusso dei nuovi ordini sono solo alcuni degli aspetti negativi causati dalla pandemia da Covid-19 su tutta la filiera dell’automotive. Compreso il settore del noleggio a lungo e breve termine di autovetture e veicoli commerciali leggeri.

Peggior marzo della storia

Secondo i dati del nostro partner Dataforce, dopo un primo bimestre già in contrazione, a marzo il noleggio a lungo termine continua a segnare un pesante rosso, -79,9%, così come il breve termine che non ha targato praticamente nulla (-97,23%).

Nel trimestre 2020, il comparto del lungo termine ha fatto registrare un calo del 22,88%, con 56.462 nuove targhe rispetto alle 73.217 del primo trimestre 2019 (-16.755 unità). Sempre nel cumulato, il noleggio a breve termine è sceso invece del 30,84%, passando da 62.275 a 43.069 immatricolazioni (il saldo è negativo di 19.206 pezzi).

Società Nlt, quasi tutte in rosso

I numeri del primo trimestre tra le società del noleggio a lungo termine (autovetture + veicoli commerciali leggeri) indicano al primo posto Leasys di Fca Bank che, nonostante un negativo nel trimestre (-19,8%, 17.879 veicoli) aumenta il distacco sulla seconda in graduatoria, ossia Arval ferma a 11.705, -28,6%. In terza posizione torna Ald Automotive (-36,8%, 7.689 vetture). Fuori dal podio Volkswagen Leasing, ma è l’unica tra le prime posizioni con un saldo positivo (+10,6%, 7.212).

Nelle posizioni successive, quinta LeasePlan che nel trimestre ha immatricolato 6.521 vetture e veicoli commerciali leggeri, -34% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Crescono, invece, Sifà (+9,4%), Free2Move Lease del gruppo Psa (+33,3%) e Mercedes-Benz Charterway (+36,5%).

Compagnie Nbt, tutte giù

Il comparto del rent-a-car, noleggio a breve termine, ha registrato nel primo trimestre 2020 (autovetture + veicoli commerciali leggeri) 44.449 vetture rispetto alle 64.768 dello stesso periodo del 2019 (-31,4%). A marzo (PC+LCV), tutte le società sono in rosso. Rimane in testa Hertz che ha targato 8.809 veicoli (-24,7%), seconda Avis a 7.379 (-8,9%), terza tiene Locauto (5.202 nuove targhe, -4,5%). A seguire Sixt (4.022, -30,5%), Europcar (3.645, -41,6%), Rent a Car Italy (2.719, -23,4%) e Goldcar (1.826, -58,2%).

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il 19esimo rapporto Aniasa evidenzia la battuta d'arresto del settore. Fatturato crollato di oltre il 70% a causa del coronavirus. Per la ripresa bisogna aspettare

· di Elisa Malomo

A causa della crisi che ha colpito duramente il settore del noleggio auto, il colosso americano fa cassa con le Chevy personalizzate per il suo centenario nel 2018

· di Redazione

Sono autorizzati anche nell'ultimo decreto del governo. Aniasa: "Autonoleggio e car sharing per chi necessita di spostarsi per motivi di lavoro. Rafforzate anche le misure di...