Ultimo aggiornamento  27 novembre 2020 07:44

Germania, l'auto rischia 100mila posti di lavoro.

Paolo Odinzov ·

L’industria automobilistica della Germania potrebbe perdere fino a 100mila posti di lavoro a causa del coronavirus. A dirlo è l’economista tedesco Ferdinand Dudenhöffer, secondo il quale l’epidemia sta causando nel Paese una forte diminuzione della domanda di auto che porterà a un ridimensionamento della produzione.

Da 5,1 a 3,8 milioni di vetture

Secondo le previsioni di Dudenhöffer, la Germania passerà da 5,1 milioni di veicoli prodotti nel 2019 a 3,8 milioni nel 2020. Con una contrazione della forza lavoro di circa il 12%, tra produttori diretti e catene di fornitori.

Stimolare la domanda

Dudenhöffer ha stilato una sorta di ricetta salvagente per evitare il peggio ed esortato anche il governo tedesco a fare di più per stimolare la domanda di auto nuove, in particolare di veicoli elettrici e ibridi. Oltre ad aver sollecitato i costruttori a trovare formule per invogliare la clientela.

“Le Case potrebbero offrire abbonamenti di auto a basso costo combinati con garanzie di ritorno in caso di disoccupazione. Solo misure coraggiose potranno contrastare l'incertezza tra gli acquirenti”, ha spiegato in una intervista al quotidiano Welt.  “Dobbiamo ripensare la produzione, solo se riusciremo a controllare la pandemia come la Cina, la Corea o altri stati asiatici avremo il problema sotto controllo e potremo superare la crisi senza perdere lavoro", ha risposto a distanza il ceo del gruppo Volkswagen, Herbert Diess.

Tag

Germania  · Gruppo Volkswagen  · industria auto  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Potrebbero arrivare presto risorse per due miliardi di euro ai costruttori nazionali, fondi destinati soprattutto allo sviluppo di motori "verdi" e guida autonoma

· di Angelo Berchicci

Un gruppo di lavoro dovrà presentare le sue proposte al governo a giugno. L'industria chiede aiuti per tutte le motorizzazioni, Merkel propensa solo per le elettrificate

· di Angelo Berchicci

"Troppo tardi aspettare l'autunno", dice la presidente dell'associazione di settore. "Soprattutto per veicoli a basse emissioni", sottolinea il presidente bavarese. Dal 20 si...

· di Edoardo Nastri

Sindacati e rappresentanti dell'industria chiedono di tornare il prima possibile a produrre e vendere vetture nel paese. A rischio la spina dorsale economica della Germania

· di Edoardo Nastri

Nel 2019 i ricavi crescono del 7,1%, l'utile operativo di quasi il 13%. Il coronavirus mette a rischio tutto: "Per l'anno in corso impossibile fare previsioni", dice il ceo Diess