Ultimo aggiornamento  25 novembre 2020 10:16

Moody's: "Direzione incerta" per Fiat Chrysler.

Redazione ·

L'agenzia di rating internazionale Moody's ha messo sotto osservazione i principali gruppi automobilistici mondiali. Per Fca, gli analisti parlano di "direzione incerta".

Altri sette grandi nomi - Volkswagen, Daimler, Peugeot, Renault, Jaguar Land Rover, Volvo e McLaren - sono attualmente valutati a rischio "downgrade", mentre è stato rivisto già al ribasso il rating di Bmw che potrebbe essere presto "retrocessa" da A1 ad A2. 

Mercato sotto shock

Moody's spiega che "il rapido ampliamento degli effetti del coronavirus, il peggioramento delle previsioni economiche globali, la caduta dei prezzi del petrolio stanno creando uno forte ed esteso shock del credito in tanti settori, regioni e mercati". E osserva come il settore auto "sia stato uno dei quelli colpiti in modo più significativo data la sua particolare sensibilità alla domanda". 

Anche prima dello scoppio della crisi dovuta al virus Covid-19 - che ha costretto l'industria dell'auto a fermarsi praticamente in tutto il mondo con le fabbriche attualmente chiuse sia in Europa, nord e sud America e Asia - il settore era alle prese con notevoli incertezze dovute alla contrazione dei mercati - a cominciare dal più importante del mondo, quello cinese - che si sono aggiunte all'enorme sforzo per gli investimenti richiesto dal processo di elettrificazione.

Poco più di un mese fa - quando ancora la diffusione del coronavirus non aveva assunto la dimensione globale a cui stiamo assistendo in queste settimane - la stessa agenzia di rating prevedeva per l'automotive nel 2020 una perdita di valore complessivo pari al 2,5% proprio a causa della pandemia. 

Tag

Covid19  · FCA  · Moody's  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La 124 è stata la prima, la Tipo l'ultima (per ora): breve storia delle world car del marchio, stessa vettura prodotta e venduta in tanti paesi diversi

· di Redazione

Per l'agenzia di rating il mercato delle quattro ruote nel mondo perderà il 2,5% a causa dell'epidemia. Per tornare a crescere (+1,5%) bisognerà aspettare il 2021