Ultimo aggiornamento  30 settembre 2020 02:30

Bmw: la Serie 7 sarà anche elettrica.

Edoardo Nastri ·

Oliver Zipse, ceo del gruppo Bmw, aggiunge un nuovo tassello ai piani di elettrificazione dei marchio premium tedesco. “La nuova generazione della Serie 7 sarà disponibile con quattro motorizzazioni diverse: benzina, diesel, ibrida plug-in e completamente elettrica. Tutte le versioni saranno basate sulla stessa identica architettura, come accadrà con il suv X3”.

Bmw per l’elettrificazione dei suoi modelli sembra così intraprendere una strada simile a quella, ad esempio, del gruppo Psa: una sola piattaforma che possa supportare propulsori termici, ibridi plug-in ed elettrici e non invece una specifica per le auto a zero emissioni, come ha scelto di fare il gruppo Volkswagen con la Meb.

30 miliardi in ricerca e sviluppo  

Zipse durante la presentazione dei dati di bilancio del gruppo ha annunciato che Bmw investirà 30 miliardi di euro entro il 2030 in ricerca e sviluppo. Dal 2023 la gamma disporrà di oltre 25 modelli a batterie e più della metà di essi saranno 100% elettrici.

“I nuovi target stabiliti dall’Unione europea per il 2030 - la media dei modelli venduti non deve superare i 59 grammi di CO2 emessa per ogni chilometro percorso – mi fanno pensare che il 40% delle vendite tra 10 anni sarà elettrificato”, dice Zipse. Oltre alla prossima generazione della Serie 7 i nuovi modelli a zero emissioni del marchio premium tedesco saranno iX3 (2020), iNext (2021) e i4 (2021).

Le materie prime 

Il ceo del gruppo tedesco ha parlato anche di batterie: “Abbiamo un contratto di fornitura a lungo termine con Catl e Samsung Sdi, ma a partire da quest’anno saremo noi a procurarci cobalto e litio e lo metteremo a disposizione dei fornitori. Abbiamo creato - con il gruppo Jaguar Land Rover – un centro specializzato a Monaco di Baviera e il nostro obiettivo è quello di raddoppiare il numero delle nostre celle entro il 2030”. 

Tag

BMW  · Bmw Serie 7  · elettrificazione  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

A causa del coronavirus, il ceo del gruppo tedesco Zipse prevede "volumi in netto calo" e "margine Ebit in discesa al 2-4%" dal 5% dell'anno scorso