Ultimo aggiornamento  10 luglio 2020 18:33

Più nichel per Volkswagen.

Edoardo Nastri ·

Volkswagen ha annunciato che aumenterà la quantità di nichel nelle celle delle batterie per le sue vetture elettriche e crescerà l'autonomia. “La quantità in percentuale dell’elemento chimico passerà dall’attuale 65% all’80% a partire dal prossimo anno”, ha dichiarato Frank Blome, responsabile degli accumulatori del costruttore tedesco, durante una call con gli analisti per il bilancio 2019 del gruppo.

Attualmente la batteria che viene montata sui modelli che utilizzano la piattaforma Meb è composta dal 65% di nichel, 15% di cobalto e 20% di manganese. Gli ultimi due elementi nel 2021 verranno ridotti rispettivamente del 5 del 10%.

Produrre di più per abbassare i costi

Blome ha fatto anche una considerazione sui prezzi degli accumulatori: “Secondo le nostre stime l’aumento della produzione ci aiuterà a ridurre i costi delle batterie, portandoli entro il 2025 molto al di sotto dei 100 dollari per chilowattora”.

Il responsabile degli accumulatori del costruttore tedesco segue quindi quanto dichiarato da General Motors durante la presentazione della nuova piattaforma delle elettriche del costruttore americano, chiamata Ultium. “L’Ultium, grazie alla produzione in larga scala, permetterà di abbassare il prezzo di ogni chilowattora che passerà dagli attuali 145 dollari a meno di 100”, ha assicurato Mark Reuss, presidente di Gm. Secondo alcuni analisti, questo risultato porterà sullo stesso livello i prezzi delle auto elettriche e quelli delle vetture con motore tradizionale.

Volkswagen spera di raggiungere presto il volume di vendite che le permetterà di abbattere i costi. “Entro il 2025 la previsione è quella di produrre 3 milioni di vetture a zero emissioni che necessiteranno di circa 300 gigawattora di celle che arriveranno principalmente da Asia ed Europa”, ha concluso Frank Blome. 

Tag

Auto elettriche  · Batteria  · Gruppo Volkswagen  · Nichel  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Secondo la rivista economica tedesca Manager Magazin, l'elettrica avrebbe problemi di software che potrebbero far posticipare le consegne previste in estate

· di Angelo Berchicci

Secondo il Ceo del gruppo tedesco la produzione della nuova compatta elettrica farà risparmiare all'azienda il 40%. I maggiori vantaggi grazie alla nuova batteria