Ultimo aggiornamento  31 ottobre 2020 13:53

De Micheli: avanti con le infrastrutture.

Redazione ·

Aiuti alle imprese del settore pesantemente colpite dall'emergenza coronavirus e impegno nella realizzazione delle opere strategiche per il Paese. È quanto dichiarato da Paola De Micheli parlando a Sky tg24, dopo il via libera del governo al decreto "Cura Italia".

Un decreto "complesso dal punto di vista giuridico e finanziario", ha sottolineato il ministro ma anche "un segnale veloce e immediato che tocca le corde sensibili dell'economia italiana. Ci saranno saranno altre misure nei prossimi giorni ancora più forti per sostenere le imprese". 

Massimo supporto alle aziende in crisi

Parlando dei settori di sua competenza, De Micheli ha affermato: "Aiuteremo in particolar modo le aziende che più stanno soffrendo in questo momento, come quelle del trasporto persone: stanno perdendo il 90% del traffico passeggeri. Questo da una parte ci conforta perché significa che gli italiani stanno seguendo le indicazioni del governo riducendo al minimo gli spostamenti, dall'altra ci confermano le enormi difficoltà che stanno vivendo le imprese di trasporto".

"Momento drammatico"

"Massimo sostegno per sopravvivere a questo drammatico momento", ha poi aggiunto il ministro, " ma iniziamo a pensare anche al dopo emergenza, passata la quale bisognerà provvedere al rilancio attraverso misure fiscali, di semplificazione e incentivi per nuovi mezzi di trasporto e per le infrastrutture".

"Dobbiamo proseguire quanto avviato in questi primi sei mesi di governo", ha concluso, "con investimenti per la realizzazione delle grandi e medie opere fondamentali per il Paese e per nuovi modi di mobilità per gli spostamenti dei cittadini". 

Tag

coronavirus  · Covid19  · Infrastrutture  · Paola De Micheli  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

La conferenza stato-città approva lo stanziamento per la manutenzione della rete viaria italiana tra il 2020 e il 2033. Per Roma 4 milioni in più

· di Angelo Berchicci

Stralciate dal Decreto Rilancio, per la manutenzione di strade e autostrade si guarda al Decreto Semplificazioni. Per la sola rete secondaria servono 42 miliardi