Ultimo aggiornamento  05 aprile 2020 15:45

Coronavirus: rifornimento self in autostrada.

Angelo Berchicci ·

A partire da oggi 6 marzo e per i prossimi 15 giorni, l’erogazione di carburante in autostrada avverrà solo in modalità self-service. A comunicarlo sono Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio, organizzazioni che rappresentano i gestori degli impianti di distribuzione carburanti nelle aree di servizio autostradali, spiegando che il provvedimento è stato adottato a causa dall’epidemia di coronavirus.

Il provvedimento

Fino al 20 marzo, il rifornimento di carburante in autostrada avverrà senza l’ausilio dei benzinai, in modo da ridurre il più possibile i contatti, a tutela sia dei clienti che dei lavoratori. Le stazioni di servizio non saranno tuttavia chiuse: sarà infatti garantita la presenza di uno o più operatori per intervento in caso di necessità dell’utente.

“Tale misura temporanea - si legge nel comunicato - giustificata da ragioni di pubblica utilità, troverà attuazione a partire dalle ore 06:00 del giorno 06/03/2020 e fino alle ore 22:00 del giorno 20/03/2020 e verrà modificata o revocata in relazione alla evoluzione della situazione”.

Vendite giù

Nello stesso comunicato, le associazioni di categoria fanno anche un primo bilancio delle ripercussioni dell’emergenza coronavirus, spiegando che le vendite di carburante della rete ordinaria hanno subito una riduzione media del 30% negli ultimi dieci giorni, mentre quelle della rete autostradale di circa il 70%, con picchi negativi a ridosso delle grandi aree urbane del nord Italia, come risultato dei minori spostamenti chiesti dalle autorità per prevenire il contagio.

Tag

Autostrade  · Benzinai  · coronavirus  · Self service  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Emergenza coronavirus: la Capitale decide l'apertura anticipata al primo pomeriggio nelle aree a transito limitato Tridente e Centro storico

· di Redazione

Per l'Aniasa negli ultimi 10 giorni il volume di affari si è ridotto dell'80% rispetto al 2019. A rischio anche i livelli di occupazione. Appello al governo