Ultimo aggiornamento  09 luglio 2020 13:35

Psa: "pronti a investire nel Regno Unito".

Edoardo Nastri ·

Il gruppo Psa sarebbe disposto a fare nuovi investimenti nel Regno Unito se il paese dovesse raggiungere un accordo con l’Unione Europea sui dazi che potrebbero essere imposti a causa della Brexit. “Potremmo potenziare gli impianti locali, ma il governo britannico dovrà aiutarci a compensare le eventuali tariffe dopo l’uscita del Regno Unito dall'Unione”, ha dichiarato Carlos Tavares, ceo di Psa.

Il gruppo francese ha un impianto produttivo nel nord ovest dell’Inghilterra - non lontano da Liverpool - dove viene costruita la Opel Astra berlina e station wagon, venduta nel Regno Unito con il marchio Vauxhall. “Saremmo felici di poter investire nella fabbrica di Ellesmere Port, ma deve ovviamente esserci un’evidenza di business che ci garantisca guadagni”, ha puntualizzato Tavares.

"In attesa di un accordo"

Il periodo di transizione durante il quale il Regno Unito potrà godere dell’assenza di tariffe senza il raggiungimento di un accordo durerà fino al 31 dicembre di quest'anno. Psa aveva già precedentemente dichiarato che la Brexit avrebbe rappresentato un pericolo per il mantenimento della fabbrica e che le trattative con l'Unione Europea per scongiurare i dazi sarebbero state fondamentali.

Non intendiamo comunque intervenire prima della fine di quest’anno. La decisione non sarà presa finché non avremo una chiara comprensione dell'esito delle discussioni tra i Paesi", ha detto Tavares durante una conference call tenutasi in luogo del Salone di Ginevra, annullato per misure preventive al coronavirus. 

Tag

Brexit  · Groupe Psa  · Inghilterra  · 

Ti potrebbe interessare

· di Roberto Sposini

Il numero del gruppo francese corre in pista, rimette a posto i conti, porta Opel agli utili. Ritratto del manager che non voleva fare il numero due