Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2021 22:24

Mise: Patuanelli apre agli incentivi.

Redazione ·

Nei piani del governo italiano c'è anche l'introduzione di nuovi incentivi per il settore auto che consentano di movimentare il mercato e contribuiscano a rinnovare il parco circolante nazionale, troppo vecchio e inquinante. È quanto detto in una intervista al Sole 24 Ore dal ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli.

Non solo elettriche

"Bisogna pensare - sono le parole del ministro - a strumenti di rottamazione anche per l'acquisto di auto non elettriche. Abbiamo un parco auto fatto per il 62% di vetture da Euro 4 in giù. Sono mezzi che hanno almeno 10 anni. E il 32% sono ancora più vecchi, Euro 3. Abbiamo bisogno di una scossa per migliorare i livelli delle emissioni e dare ossigeno al settore. Lo stesso discorso vale per le moto e il comparto delle due ruote".

Meno burocrazia

Più in generale, il ministro ha accennato all'intenzione di portare l'ecobonus nel settore edilizio al 100% e di favorire il cosiddetto "back reshoring", ovvero il ritorno in Italia di aziende - soprattutto nel settore delle energie rinnovabili - che abbiano in passato delocalizzato all'estero.

Patuanelli ha anche parlato di una legge speciale per la cantierizzazione veloce degli investimenti pubblici e di facilitazioni - soprattutto per quanto  riguarda gli oneri burocratici - per il ripotenziamento degli impianti per l'energia eolica

Tag

Auto Elettrica  · Incentivi  · Mise  · Stefano Patuanelli  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

A tanto ammontano le risorse messe a disposizione dal ministero dello Sviluppo economico per la produzione di veicoli a batteria negli stabilimenti di Melfi, Orbassano e Mirafiori