Ultimo aggiornamento  16 settembre 2021 18:28

Hyundai, vendite giù per coronavirus.

Edoardo Nastri ·

Continua l’effetto negativo sul mercato dell’auto legato all’epidemia del coronavirus, attiva particolarmente in Asia ed Europa. Hyundai ha comunicato i propri dati di vendita del mese di febbraio che si sono rivelati i più bassi degli ultimi 10 anni.

Il costruttore coreano ha immatricolato 275.044 unità nel secondo mese del 2020, il 13% in meno rispetto a febbraio 2019, quando le vetture erano 315.820.

I dati rivelano i primi effetti reali e negativi del coronavirus sul mercato automobilistico: "La diffusione della malattia in Corea del Sud sta diventando più urgente che in Cina, con conseguenze dirette sulle vendite e sulla produzione", ha scritto in una nota l'analista di Korea Investment & Securities Kim Jin-woo.

La lentezza dei consumi si ripercuote inevitabilmente sulla domanda e, secondo quanto previsto dagli analisti, l’impatto dovrebbe continuare almeno fino all’inizio del secondo trimestre.  

Secondo paese per numero di infettati 

La Corea del Sud è il paese con il maggior numero di casi di coronavirus dopo la Cina, con un totale di 4.212 pazienti infettati. Il virus ha letteralmente sconvolto i mercati finanziari globali e Hyundai è il primo costruttore automobilistico a presentare i dati di vendita di febbraio. Nei prossimi giorni si attendono le comunicazioni dei risultati da parte di altre società.

La maggior parte dei casi nel paese asiatico sono stati accertati nella città di Daegu (provincia di Gyeongsang del Nord), una regione che ospita più del 20% di società dedicate all’indotto del settore automobilistico. 

Tag

coronavirus  · Hyundai  · Mercato  · 

Ti potrebbe interessare

· di Carlo Cimini

La Casa coreana aggiorna l'allestimento XLine del suv: allo stesso prezzo include ora i sistemi di assistenza alla guida e la connettività. Da 28.600 euro

· di Angelo Berchicci

A gennaio le vendite crollano del 18%, complice l'inizio anticipato delle festività e lo scoppio dell'epidemia. Fattori che acuiscono un trend generale negativo