Ultimo aggiornamento  20 ottobre 2020 11:11

Coronavirus, l'auto batte in Borsa.

Angelo Berchicci ·

Il Salone di Ginevra cancellato all'ultimo minuto, il coronavirus che blocca le produzioni e rallenta i mercati, utili in calo (per chi ce l'ha ancora) per diversi costruttori. Ce ne è abbastanza perché in Borsa i titoli dell'auto abbiano chiuso in terreno negativo e guardino alla settimana che si apre con apprensione.

Tremano i mercati

Venerdì scorso, dopo l'annullamento dell'evento svizzero, tutto il comparto automotive è andato sotto: alla borsa di Milano Fca ha perso il 2,7%, la stessa perdita ha registrato il gruppo Renault a Parigi nell’indice Cac 40, -3,3% per Psa. Per quanto riguarda i gruppi tedeschi, alla borsa di Francoforte le cose sono andate nella stessa direzione: male Bmw con -2,8%, Volkswagen ha perso soltanto lo 0,9%, mentre il titolo Daimler è sceso del 5,7%. Colpiti anche i gruppi asiatici: Toyota-3,4%, Hyundai-Kia a quasi -5%. Giù anche i  costruttori americani, a quattro ore prima della chiusura di Wall Street e pur non partecipanti alla kermesse svizzera: General Motors ha perso il 3,1%, Ford il 2,3%. 

Il virus spaventa

A spaventare i mercati è soprattutto la diffusione del coronavirus. L'economia mondiale ha bruciato in una settimana circa 5mila miliardi di capitalizzazione: si tratta del crollo più repentino dalla crisi del 2008. Venerdì scorso, l’indice Ftse Mib di Piazza Affari ha perso il 3,5%, Londra il 3,1% e Parigi ha lasciato sul campo il 3,3%. La peggiore d’Europa è stata Francoforte con -3,8%, e persino il solido mercato azionario svizzero ha fatto segnare un -3,6% come contraccolpo per l’annullamento del Salone.

Un incubo per le Borse orientali, le più colpite dalla contrazione del mercato finanziario: Shanghai ha chiuso con un calo di quasi il 4%, Shenzhen è scesa del 5%, mentre Seul del 3,3%. Tokyo, ai minimi storici, ha perso il 3,6%. Più contenute invece le perdite in America: il Nasdaq ha chiuso in rosso dell’1,2% e il Dow Jones del 3%, anche se ha chiuso la settimana con oltre il 10% in meno. 

Dal secondo dopoguerra a Wall Street è accaduto solo altre quattro volte, di cui le ultime dopo l’attacco alle Torri Gemelle nel 2001 e dopo l’esplosione della crisi dei mutui subprime nel 2008.

Tag

Borsa  · coronavirus  · Piazza Affari  · Wall Street  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Le vendite del costruttore tedesco partono bene a gennaio ma crollano dopo per effetto della pandemia: -14,9%. Male anche Smart (-78,3%) e i commerciali (-14,9%)

· di Carlo Cimini

I francesi lanciano sul web il concept che avrebbe dovuto prendere la scena del Geneva International Motor Show. Arriverà nel 2025 in due versioni. Autonomia fino a 700 chilometri

· di Angelo Berchicci

Oltre 900 modelli di cui 90 premières mondiali ed europee. A Salone cancellato a causa del coronavirus, un primo bilancio di un evento che quest'anno non ci sarà