Ultimo aggiornamento  25 novembre 2020 09:50

Siteb: Italia in ritardo su riciclo asfalto.

Marina Fanara ·

Il trend migliora, ma è ancora lontano dagli standard europei: dal 2014 al 2018, in Italia il riciclo del materiale rimosso dalle pavimentazioni stradali è aumentato di 5 punti percentuali, dal 20% al 25%, rimanendo comunque all'ultimo posto in Europa dove la media si attesta al 60%.

Più riciclo, ma non basta

La denuncia arriva da Siteb, Strade italiane e bitumi (rappresenta le imprese che si occupano di manutenzione e lavori sulle strade). "L'Italia ha sicuramente migliorato il proprio trend", sottolinea l'associazione, "già oggi la possibilità di riciclare il 25% del fresato permette al paese un minor impiego di 300mila tonnellate di bitume vergine e il recupero di 7,5 milioni tonnellate di inerti".

"Il che si traduce", specifica l'associazione, "in un risparmio che si attesta intorno ai 300 milioni di euro l'anno solo per le materie prime, senza considerare il minor impatto ambientale riconducibile al lavoro delle raffinerie e al trasporto del materiale".

Italia fanalino di coda

Ma ancora non basta. Il Siteb ha stilato una classifica dei paesi più virtuosi in materia di riutilizzo del fresato d'asfalto recuperato durante lavori di manutenzione o rifacimento del manto stradale: se la media Ue è pari al 60%, in Germania la quota è 84%, Francia 70%, Regno Unito 90% e in paesi più piccoli come Belgio e Olanda si toccano rispettivamente il 90 e il 71%.

Se riuscissimo a recuperare il 100% dell'asfalto rimosso, calcola l'associazione, potremmo risparmiare fino a un miliardo e 200 milioni di euro l'anno solo per le materie prime a cui vanno aggiunti una serie di vantaggi ambientali (derivanti per esempio da minore importazione di petrolio, ridotto ricorso alle cave, meno camion sulle strade per il trasporto di materiale).

"La nostra burocrazia, il complesso regime autorizzatorio e il pregiudizio di tecnici e progettisti ostacolano ancora lo sviluppo del riciclo del fresato d’asfalto, limitandone '’impiego", dichiara Stefano Ravaioli direttore di Siteb, "è paradossale che proprio in Italia in cui c'è la maggior disponibilità di fresato pulito (senza l’inquinamento da catrame), riciclabile al 100%, si faccia il possibile per ostacolarne il recupero, anziché incentivarlo".

Tag

Asfalto  · Manutenzione  · Riciclo  · Siteb  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Fra il 2010 e il 2018 in Europa sono morti in incidenti 51.300 pedoni e 19.450 ciclisti. Il Consiglio europeo chiede ai governi di investire di più sulla sicurezza per gli utenti...